domenica 24 ottobre 2010

L'ANGOLO DI FABIENNE
















Nel 2008, la Rete "Sortir du nucléaire" ha lanciato una prima campagna nazionale sulla tematica del cambiamento climatico e spiegando che il ricorso al nucleare non può essere in nessun caso una soluzione. Questa campagna è stata ripresa nel 2009 in occasione delle elezioni europee e ha proseguito all'autunno di questo stesso anno, acquisendo un carattere internazionale in occasione del summit di Copenaghen sul clima in dicembre.


Don't nuke the climate - Né nucleare né effetto serra


Clima: che cosa dicono gli scienziati?


Secondo la comunità scientifica internazionale, il rialzo della temperatura media del globo deve essere mantenuto sotto i +2°C per evitare gli effetti più catastrofici del cambiamento climatico. A questo scopo, bisogna ridurre le emissioni mondiali di gas ad effetto serra di almeno l' 80% di qui al 2050, rispetto al 1990. In quanto ai paesi industrializzati, primi emittenti di gas ad effetto serra, dovranno avere ridotto già le loro emissioni del 40% fin dal 2020! [1]


Una tecnologia "fuori tema " ed inefficace


il 75% delle emissioni mondiali di gas ad effetto serra provengono da settori senza nessun legame con la produzione di elettricità, o per i quali ricorrere all'elettricità è di un pessimo rendimento: agricoltura, azienda forestale, procedimenti industriali, trasporto, riscaldamento, ecc. [2]. Il nucleare è dunque fuori tema!

La sua capacità a ridurre il 25% di emissioni restanti è estremamente mediocre. Lungi dall' essere antinucleare, l'Agenzia Internazionale dell'Energia incoraggia contro ogni ragione la crescita continua della consumazione di energia. Calcola tuttavia che il contributo del nucleare alla riduzione delle emissioni di CO2 sarebbe di appena il 6% per un costo di almeno 1 000 miliardi di euro... contro il 54% per le economie di energia ed il 21% per le energie rinnovabili, ad un costo molto inferiore! [3]

Poiché occorre circa 10 anni per costruire un solo reattore, questa riduzione irrisoria ed ipotetica comincerebbe solamente dopo il 2020, dunque troppo tardi.



Sì, il nucleare emette dei gas ad effetto serra!

La trafila nucleare emette delle quantità non trascurabili di gas ad effetto serra, legate al ciclo di vita dei reattori (costruzione, smantellamento...) e del loro combustibile (estrazione, trasporto, rilavorazione...). Ma soprattutto, contrariamente ad altre tecnologie, il nucleare non permette di ricuperare il calore liberato al momento della produzione di elettricità. Dunque impone di produrre dell'energia supplementare per i nostri bisogni in calore . Produrre elettricità e calore in co-generazione permette di emettere 7 volte meno gas ad effetto serra di un sistema energetico nuclearizzato! [4]


Il nucleare: caro… e controproducente!


Per un euro investito, l'efficacia energetica e certe energie rinnovabili sono fino a 11 volte più redditizio che il nucleare per ridurre i gas ad effetto serra! [5] Ora la tecnologia nucleare è un vero baratro finanziario. Difatti, impaccia lo sviluppo veloce e massiccio delle vere soluzioni contro il cambiamento climatico.

Difatti, il nucleare esige degli investimenti considerevoli in materia di infrastrutture e monopolizza delle enormi sovvenzioni pubbliche di cui i 2/3 dei bilanci di ricerca europei sull'energia. [6] Dal 1974, i paesi dell'OCSE hanno dedicato ufficialmente al nucleare 55% dei loro bilanci di ricerca sull'energia, o 250 miliardi di dollari. [7] i costi futuri dello smantellamento delle installazioni nucleari e della gestione dei rifiuti radioattivi si codificheranno in centinaia di miliardi di euro.



Dalle centrali vulnerabili al cambiamento climatico

Più fa caldo, meno operativi sono i reattori nucleari : 1/4 del parco nucleare francese ha dovuto essere chiuso nel 2003 a causa della canicola estiva! Inoltre, il nucleare consuma 25 000 volte più di acqua per kWh prodotto che le energie eolica e solare. [8] gli avvenimenti climatici estremi (tempeste, inondazioni...) di cui la frequenza aumenta, aumentano i rischi di incidenti. Così, nel 1999, la centrale nucleare francese del Blayais che è sita vicino a Bordeaux, ha sfiorato la catastrofe a causa di un'inondazione, e la città ha rischiato di essere evacuata. [9] Inondata dallo tsunami del 26 dicembre 2004, la centrale indiana di Kalpakkam è stata chiusa in emergenza. 15 000 famiglie sarebbero state evacuate l'indomani per misure di precauzione. Dei livelli di radioattività inquietanti sono stati misurati 2 mesi più tardi in una zona di 20 km alla ronda. [10]




Un'industria inquinante e pericolosa

In funzionamento normale, la trafila nucleare inquina le acque ed i suoli, particolarmente al momento dell'estrazione mineraria dell'uranio. Rigetta continuamente della radioattività nell'ambiente naturale. Un studio scientifico tedesco ha messo in evidenza un aumento del 117% delle leucemie infantili fino a 5 km di certe centrali. [11] L' ufficialissima Commissione Internazionale di Protezione Radiologica afferma lei stessa che "ogni dose d'irraggiamento comporta un rischio cancerogeno e genetico". [12] Un incidente maggiore, sempre possibile, contaminerebbe dei vasti territori per migliaia di anni, ed non esiste nessuna soluzione per gestire i rifiuti nucleari. Infine, la moltiplicazione dei reattori nucleari favorisce la proliferazione dell'arma atomica.


Creare più posti di lavoro con altre energie

In meno di 10 anni, la Germania ha creato quasi 300 000 posti di lavoro nelle energie rinnovabili [13]. Questo settore ancora emergente occupava già 2,3 milioni di persone nel mondo nel 2008. I paesi industrializzati non sono gli unici a beneficiarne, e certi sviluppano dei programmi di energia solare tra i più dinamici al mondo. Così, 100 000 tetti fotovoltaici sono stati installati in alcuni anni nel Bangladesh, e questa trafila potrebbe creare 100 000 impieghi nel paese di qui al 2015. [14] A investimento uguale, le economie di energia e le energie rinnovabili creano 15 volte più posti di lavoro che il nucleare! [15]


Le vere soluzioni esistono, utilizziamoli!

Numerose misure pertinenti devono essere messe in pratica in materia di politica energetica (efficacia energetica, economie di energia, sviluppo delle energie rinnovabili…), ma anche negli altri settori: lotta contro la deforestazione, transizione verso un'agricoltura duratura, rilocalizzazione delle attività economiche,… Senza dimenticare la riduzione delle emissioni di metano, un gas che riscalda 49 volte più del CO2 . Il suo recupero nelle discariche francesi permetterebbe di evitare molto più gas ad effetto serra che la costruzione di 3 reattori EPR! [16]
Numerosi studi [17] hanno dimostrato che le alternative energetiche già disponibili permetterebbero al tempo stesso di lottare efficacemente contro il cambiamento climatico e di fare totalmente a meno dell'elettricità nucleare… che rappresenta oggi solo il 2,4% dell'energia consumata nel mondo! [18]




Note
[1] GIEC (Raggruppamento di periti Intergovernativo sull'evoluzione del Clima), Quarto Rapporto, 2007.

[2] Climate Analysis Indicators Tool (CAIT), versione 4.0, World Risorse Institute, 2007,; citato in Rete Azione Clima ed alii, "Faccia alla minaccia climatica, l'illusione del nucleare", 2007, p.17.

[3] agenzia Internazionale dell'energia, "Energy technology perspectives 2008, Scenarios and strategies to 2050", 2008,; citato in I quaderni di Global Chance n°25, "Nucleare,: la grande illusione", 2008, p.17.

[4] paragone tra un sistema energetico che utilizza congiuntamente da una parte il nucleare ed il riscaldamento alla nafta, ed un sistema di co-generazione di elettricità e di calore in centrali al biogaz di altra parte. Öko-institut, "Comparison of Greenhouse Gas Emissions and Abatement Cost of Nuclear and Alternative Energy Options from a Life-cycle Perspective"., 2006, p.5-6,; Mycle Schneider, "Sì, il nucleare emette dei gas ad effetto serra! ", rivista L'ecologiste, Vol.1 n°2, 2000, p.58-59.

[5] Rocky Moutain Institute, "The Nuclear Illusion", 2008, p.19.

[6] dati sintetizzati per la Rete "Sortir du nucléaire" a partire da parecchie fonti di cui le principali sono: Greenpeace, rapporto "Invest in a Clean Energy Future", 2005, particolarmente p.10; Gruppo dei Verdi al Parlamento europeo, "Futuro Nuclear and Energy Research under the FP7s", 2006,; i testi regolamentari dei Programmi-quadri della ricerca europea, consultabili sulla Gazzetta ufficiale dell'unione europea.

[7] ministero federale tedesco dell'ambiente naturale, Bundesministerium für Umwelt, "The World Nuclear Industry Status Riporto 2009", 2009, p.74. Estrapolazione agli anni 2008 e 2009 dei dati sul periodo 1998-2007.

[8] CERES/Pacific Institute, "Water scarcity and climate change: growing risks for businesses and investors", 2009, p.9 e p.26.

[9] conversazione di Yann Arthus-Bertrand con Alain Juppé, sindaco di Bordeaux ed ex-primo ministro, riportata su Francie-inter, emissione Le Zapping di Francie-inter, 30 maggio 2009.

[10] VT Padmanabhan e NP Nakul, "Radiation Monitoring around Madras Atomic Power Station", 2005.

[11] ufficio federale tedesco di protezione contro le radiazioni, Bundesamt für Strahlenschutz, / Università di Magonza, "Epidemiologische Studie zu Kinderkrebs in der Umgebung von Kernkraftwerken (KiKK-Studie) ", 2007.

[12] commissione Internazionale di Protezione Radiologica, "Recommendations of the International Commission on Radiological Protezione, ICRP 60", 1990, Pergamon Press 1991.

[13] ministero federale tedesco dell'ambiente naturale, Bundesministerium für Umwelt, "Gross Employment from Renewable Energy in Germany in the Year 2008 - a first estimate", 2009,

[14] Worldwatch Institute, Micheal Renner, "Jobs in Renewable Energy Expanding", 2008.

[15] i Sette Venti del Cotentin, "Una corrente alternativa per il Grande Ovest-Quali alternative al reattore EPR"?, 2006.

[16] i quaderni di Global Chance n°24, "Da Grenelle a Bali,: avanzate, incertezze, contraddizioni e prospettive", 2008, p.47 e p.55. si parla qui di "potere di riscaldamento globale" (PRG) del metano (CH4). Il PRG indica il contributo relativo al riscaldamento del pianeta, durante un periodo determinato, di un'emissione puntuale in inizio di periodo di un kg di un gas ad effetto serra particolare, per paragone col contributo sullo stesso periodo di un'emissione puntuale di un kg di CO2. Come la durata di vita del metano nell'atmosfera è corta, dell'ordine di 12 anni, rispetto a quella del CO2, il PRG del metano varia in modo importante col periodo di tempo scelto. Per valutare l'influenza di un'emissione di CH4 ad un orizzonte dato (2020; 2050; 2100, per paragone col CO2, è necessario tenere conto dello scarto tra gli anni di emissione e l'anno orizzonte poiché il coefficiente di equivalenza, il PRG, vari velocemente in funzione del periodo di tempo scelto. Così, il PRG del metano è di 49 all'orizzonte 2050 per le emissioni generate nel 2010, questo vale a dire domani… Ciò significa che l'emissione puntuale di 1 tonnellata di CH4 nel 2010 avrà, all'orizzonte 2050, un'influenza sul clima equivalente a quella di un'emissione puntuale di 49 t di CO2 nel 2010.

[17] svolta-energia, "Energies d'avenir in Nord Pas de Calais-Quali soluzioni all'irregolarità climatica", 2008,; Greenpeace/EREC, "Energy, R)evolution-a sustainable global energy outlook", 2008,; Rete "Sortir du nucléaire", "Nucleare,: come uscirne? -Studio su delle uscite del nucleare in 5 o 10 anni", 2007,; Institute for Energy and Environmental Research, "Carbon-free and Nuclear-free: a Roadmap for U.S Energy Policy" (riassunto in francese), 2007; I 7 Venti del Cotentin, "Una corrente alternativa per il Grande Ovest-Quali alternative al reattore EPR"?, 2006; Négawatt (2006),…

[18] i quaderni di Global Chance n°25, "Nucleare, la grande illusione", 2008, p.10,


http://www.sortirdunucleaire.org/index.php?menu=sinformer&sousmenu=themas&soussousmenu=climat&page=index

8 commenti:

  1. Brava. Post molto interessante.
    Forse (forse) i figli dei nostri figli potranno, a mio avviso, beneficiare di qualche cambiamento al riguardo.
    Sarò scettica, ma in un paese come il nostro, dove non si riesce nemmeno a fare le differenziata in modo oculato, ho davvero poche aspettative.

    RispondiElimina
  2. Interessantissima traduzione. Bisogna dire anche che, provenendo dalla Francia dove il dibattito è più ragionato e meno - per così dire - gridato rispetto a quello italiano (condizionato dal clima di guerra permanente e dalla relativa novità dell'argomento), risulta anche più piana, più lineare come riflessione.

    La risposta che tendo a darmi io è che le alternative energetiche, essendo più a portata di mano per il semplice cittadino - mi riferisco ad esempio al fotovoltaico - vengono contrastate perché darebbero una possibilità più grande di autonomia del consumatore.
    In compenso, però, la svolta di Obama sulla green economy è un fenomeno interessante: gli Stati Uniti stanno per esaurire le scorte interne di petrolio, e dunque devono cercare fonti alternative per evitare di essere economicamente dipendenti dall'Opec, ma Obama ha scelto l'energia solare e non quella nucleare.
    Ti segnalo, se l'argomento ti interessa e se ti piace leggere in inglese, "The next 100 years" di George Friedman: un'analisi in forma di semi-fiction sugli scenari possibili anche in funzione del controllo delle fonti energetiche scritta da un analista di scenari internazionali che lavora per conto del Pentagono. (Fra le altre cose profetizza una guerra mondiale, ma questo è un punto di pura fiction: quel che è interessante è il ragionamento sulla rivoluzione nei rapporti di forza. Una rivoluzione, per l'appunto, legata al controllo delle fonti energetiche prevalenti).

    RispondiElimina
  3. Certi numeri sono da paura...
    Mi rassicura l'esistenza di soluzioni efficaci nello sviluppo e nell'impiego " sano" di energia...
    Solo che il nostro governo dimostra raramente di avere buonsenso...
    Intanto inalo a pieni polmoni la fiducia che scaturisce dallo scritto di Fabienne...
    Buona domenica Chiara!

    RispondiElimina
  4. @ Cara Eva anche io ho poche aspettative su ciò che noi italiani saremo in grado di fare. Se davvero dovessimo costruire delle centrali credo proprio che inizierò a cercare un paese più sicuro in cui vivere!!!

    @ Caro Silas, grazie per il tuo commento, pensi esattamente quello che penso io. Grazie per la dritta su Georg Friedman, lo leggerò sicuramente. A presto.

    @ buona domenica Donatella... e domani... tocca a te ; )

    RispondiElimina
  5. Grazie Chiaretta! E' un modo per mandare a quel paese quella gente inutile che parla parla senza guardare se stessi allo specchio.
    Piacere di conoscerti!

    P.S. adoro il pane @_@

    RispondiElimina
  6. Il più grande cambiamento che l'uomo può fare è FARE UN PASSO INDIETRO!

    piacere di conoscerti

    Jazz

    RispondiElimina
  7. Benvenuta SARA : D

    Benvenuto JAZZ!!!

    RispondiElimina
  8. Sarà che ho un rapporto viscerale con la terra e quindi la amo e la rispetto sia come madre che come guida, ma non capisco perchè, i più, si sentono capaci di stare in piedi solo grazie a comode scarpe di banconote. Senza questa 'crosta' che ci sostiene, possiamo solo precipitare all'inferno...
    E' stato un piacere capitare sul tuo blog

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails