martedì 31 maggio 2011

NEW YORK E LE BOCCE















Ebbene si, mentre qui in Italia i giovani snobbano il gioco delle bocce, in America sta tornando prepotentemente di moda!!!















Il merito va a Jim Carden, che da piccolo amava osservare gli immigrati italiani giocare a bocce sfidandosi in religioso silenzio. Jim ha così aperto nel 2006, a New York la prima bocciofila-pub: UNION HALL. Da allora, tra i giovani, ha gradualmente attecchito la boccio-mania!!! A questi tornei partecipano 37 squadre, 350 giocatori con un età media di 25 anni. Ora una dozzina di altri pub e ristoranti di New York stanno allestendo campi da bocce indoor.

lunedì 30 maggio 2011

DINING AGENDA






Sara Ferrari e Marcella Fiori, hanno progettato un libro di tovagliette per prendere appunti durante i pasti. Il libro ha una copertina in legno con posate stampa-out e contiene 14 tovagliette di carta reciclata monouso con uno spazio in un angolo destinato la scrittura delle note.






Dining Agenda è una rivista bi-settimanale di tovagliette usa e getta. Esso contiene 14 pezzi, uno per ogni giorno di quelle due settimane. Si possono scrivere appunti o promemoria in un angolo a destra ma non dimenticate di toglierli prima di buttare via il resto del tovaglia.

BUON APPETITO ; )

sabato 28 maggio 2011

MAT' MARIJA
















MAT' MARIJA (1891-1945)

Elizaveta Jur’evna Skobcova nasce nel 1891 a San Pietroburgo da una famiglia di nobili. Nel 1910 sposa Dmitrij Kuz’min-Karavaev. Inizia con il matrimonio un periodo caratterizzato dalla frequentazione dei poeti russi dell’età d’argento, da una vita mondana brillante ma al tempo stesso oziosa, che lascia in Elizaveta un senso opprimente di vuoto e la porta a chiedere il divorzio. Da una breve relazione di Elizaveta con un uomo del popolo, nasce una bimba, Gajana, cui Dmitrij Kuz’min-Karavaev dà il proprio cognome e a cui dimostrerà in più occasioni un affetto paterno. Dmitrij diverrà in seguito sacerdote cattolico. Nel 1919 Elizaveta sposa Daniil Skobcov, dal quale ha due figli, Jurij e Anastasija. Con la rivoluzione ha inizio la sua militanza nel partito dei socialisti rivoluzionari, che la porta persino a diventare sindaco della cittadina di Anapa (la prima donna nella storia russa a svolgere un simile ruolo). Costretta dalla vittoria definitiva dei bolscevichi a emigrare nel 1920, si trasferisce a Parigi. Inizia per Elizaveta un periodo pieno di sofferenze. Perderà tutti i figli: la morte di Anastasija nel 1926 la porta a scoprire una dimensione più profonda della maternità, suscitandole il desiderio di diventare «madre di tutti». Nel 1932 Elizaveta ottiene il divorzio religioso e prende i voti con l’approvazione del marito, diventando Mat’ Marija. Nel 1935, insieme ad altri intellettuali russi in esilio, fonda l’«Azione ortodossa», la cui attività spazia dall’organizzare conferenze all’offrire un lavoro o un piatto di minestra all’ultimo dei vagabondi. Con la guerra arrivano a Parigi i nazisti e la follia antisemita. Per i cristiani dell’«Azione ortodossa» è del tutto naturale soccorrere in ogni modo gli ebrei, fornendo loro rifugi, documenti e soprattutto certificati di battesimo falsi. La repressione non tarda ad arrivare: tra gli altri vengono arrestati e deportati mat’ Marija e suo figlio Jurij. Mat’ Marija muore insieme al figlio nel lager di Ravensbrück il 31 marzo 1945: il giorno prima, venerdì santo, si era offerta di prendere il posto di un’altra donna selezionata per la camera a gas. Mat' Marija è stata canonizzata dalla Chiesa ortodossa nel 2004.


RUTH

Sul margine del campo spigolava,
a piedi nudi, per le stoppie straniere,
volava sulle capanne dei villaggi
uno stormo sghembo di gru.

E se ne andò per l'azzurrina nebbia
lontano dalle pianure di Booz;
cammina in mezzo a terre sconosciute,
avvolta per il freddo nello scialle.

E la gru, che vola verso il sud,
a nessuno, a nessuno racconterà
come col grano rimasto dalla mietitura
Ruth intreccia dorati covoni.

Non appena si alza il breve giorno
e il contadino va al lavoro,
sui campi dei villaggi estranei
Ruth incomincia la sua caccia dorata.

Con lo scialle calato sulla fronte,
perchè non la tradiscano le trecce meridionali,
ella raccoglierà il suo sparso covone,
camminando per alture e scarpate.

E d'inverno, passando per la soglia,
le donne spesso nel freddo del mattino
notavano sulla neve ai loro piedi
un cavone di spighe non trebbiate.

venerdì 27 maggio 2011

CAMPER BOX

Non c'è niente da fare, le gite fuori porta, i viaggi di pochi giorni, le scampagnate, i pic nic sono il mio punto debole!!! Guardate che meraviglia il CAMPER BOX!!!












Si tratta di un camper portatile che grazie ad un sistema modulare da installare nel bagagliaio, la parte posteriore della vostra auto diventerà uno spazio in cui cucinare, mangiare, fare la doccia e dormire. Per avventure all'aria aperta, senza il pensiero e il costo di cercare un hotel.















I prezzi partono da 6,000 euro.

giovedì 26 maggio 2011

L'ANGOLO DI FABIENNE

CENTRALE NUCLEARE DI FUKUSHIMA: LA SITUAZIONE E' PIU' GRAVE DI QUELLA ANNUNCIATA.

Da Yves HEUILLARD Il 14 Maggio 2011

Secondo il quotidiano giapponese Asahi Shimbun, gli ultimi dati sulla situazione alla centrale nucleare di Fukushima rivelano un ottimismo esagerato di Tepco sulla sua capacità a stabilizzare la situazione entro sei a nove mesi.


[Reattore N°3 - Foto Aria Foto Servizio Co]

Tepco, il gestore della centrale nucleare di Fukushima, ha ammesso ieri che la maggior parte del combustibile nucleare del reattore N° 1 era fuso. Le barre di combustibile intatte non sono ricoperte d'acqua. Il combustibile fuso ha colato in fondo alla vasca che si è bucata, lasciando uscire l'acqua verso l'esterno.

Tepco aveva annunciato precedentemente, ( fonte NHK) che sulle 10 000 tonnellate di acqua iniettate nel reattore dal 11 marzo scorso, non ne restava probabilmente nemmeno la metà nel reattore. L'acqua sarebbe nel sottosuolo del reattore, una zona impossibile ad ispezionare per il momento. L'Asahi Shimbun considera anche che il combustibile fuso ha potuto fuoriuscire dal recinto di confinamento.

Il piano di Tepco per questo reattore era di mettere in opera un sistema di raffreddamento in circuito chiuso. Ma la fuga, considerata come importante, non permetterà di farlo. Ad ogni modo, il piano di Tepco che mirava a stabilizzare la situazione alla centrale di Fukushima entro 6 a 9 mesi, non sarà probabilmente sostenibile.

Rischio di nuova esplosione, secondo Greenpeace
Greenpeace ha urgentemente invitato Tepco a non annegare il reattore sotto l'acqua, indicando che un'esplosione sarebbe possibile a causa del contatto dell'acqua fredda col combustibile fuso ad una temperatura elevata. Nel peggior scenario , il recinto del reattore, danneggiato dall'esplosione, potrebbe lasciare uscire nell'atmosfera un inquinamento radioattivo per giorni, addirittura settimane, (fonte The Guardian). Tepco ha negato la possibilità di un'esplosione ma ha indicato che la sua idea di annegare il reattore doveva essere rivista.

Secondo la televisione giapponese NHK, a causa degli arresti definitivi di 14 reattori considerati come troppo rischiosi, e di arresti temporanei di 19 altri reattori per ispezioni, solo un terzo dei 53 reattori del paese dovrebbe essere in misura di funzionare alla fine del mese

Delle decine di miliardi di euro
Il quotidiano Asahi Shimbun scrive che il reattore N°1 non è probabilmente l'unico di cui la vasca si sarebbe potuto spaccare. Tepco ha fatto sapere che le misure dei livelli di acqua nei reattori N°2 e N°3 non sono più considerate come affidabili. La decisione di Tepco, questo 14 maggio 2011, di aumentare il flusso di acqua iniettata nel reattore 3 tenderebbe a confermare questi timori. Ugualmente la decisione di iniettare dell'acqua nella piscina del reattore 2, il meno danneggiato, con dell' hydrazine, un insieme molto tossico, è probabilmente destinato ad evitare la corrosione,.

Secondo il quotidiano inglese The Guardian, l'insieme dei danni costerà delle decine di miliardi di euro di cui una buona parte sarà pagata dal contribuente.


Tradotto per Biancheggiando da Fabienne Melmi.
Fonte: http://www.ddmagazine.com/201105142210/Actualites-du-developpement-durable/Centrale-nucleaire-de-Fukushima-la-situation-plus-grave-qu-annoncee.html

mercoledì 25 maggio 2011

L'EROS E IL LINGUAGGIO DEI SEGNI












"Cosa fanno le tue mani" è il primo video-romanzo erotico rivolto ai non udenti.
Nato da un'idea di Maria Giovanna Luini. il video, narrato da un'interprete madrelingua sorda in LIS (lingua italiana dei segni) è fruibile sul sito dell'autrice. Il romanzo parla di una ragazza orfana che s'innamora del suo aguzzino. In questa storia l'eros è particolarmente accentuato per esaltare i quattro sensi di chi non ha l'udito.

Se avete voglia di una serata piccante....

martedì 24 maggio 2011

IL VINO SUBACQUEO

Io e il vino abbiamo sempre avuto un rapporto particolare. Amore e odio. Da piccola non potevo neppure sentirne l'odore. Poi una sera, una sera un po' magica, di quelle in cui persa nella nebbia di una città ti ritrovi catapultata in un atmosfera di quelle che vedi solo nei film. Un posto di cui non conoscevi fino a quel giorno l'esistenza ti si apre davanti.





BUCHINO - Chiara usciamo che questa è un enoteca!
CHIARA - Non fanno la birra?
BUCHINO - Ma quale birra!!! ti sei fumata il cervello?
CHIARA - Ah! non so proprio che fare, ma questo posto è troppo bello, non mi va di andarmene, sembra di essere in Spagna! Restiamo, magari bevo l'acqua e mangio qualcosa.

Insomma per farvela breve, sarà quella strana serata, sarà il posto magico, fatto sta che ho assaggiato il vino per la prima volta. Buchino aveva una paura matta che vomitassi sul tavolo! Avevo 23 anni, da allora non ho più smesso di berlo... ma solo nelle occasioni speciali!














 


Tutta questa premessa per parlarvi di una cantina che si trova a quindici metri di profondità, nelle acque del mare, nel nord della Spagna. Si tratta di uno speciale laboratorio sottomarino creato per studiare l'invecchiamento del vino tra onde e flutti. E' composto da particolari moduli per contenere le bottiglie con sensori e videocamere affinchè trasmettino in tempo reale i dati registrati. Si svolgono analisi sia della ricerca del colore ottimale, del grado alcolico e del tappo ottimale. Per chi fosse curioso, sono iniziate a gennaio le degustazioni!!!

lunedì 23 maggio 2011

LOMO LC-WIDE

















LOMO LC-A
LOMO LC-A, da 27 anni la Lomo LC-A ha preso i nostri cuori con la sua incorniciatura indistinta, con i suoi colori saturati, con il suo contrasto netto e con le sue più esposizioni eccellenti. Sono 27 anni che ci prendiamo cura questa piccola macchina fotografica che nel passato abbiamo anche rivestito con oro ma mai prima di oggi avevamo esteso la sua lente. Ora il giorno è venuto e noi ammiriamo la nuova generazione della Lomo LC-A: Il Lomo LC-Wide, che sfiderà la vostra percezione Lomographic. Siete davanti ad una commemorazione appassionata dell'ultra-wide-angle: il Lomo LC-Wide aggiunge una nuova dimensione. Prova anche la nuova Lomography grandangolare!




GO EXTREME Vai vicino, anche più vicino di quanto la percezione ti dice e lasciati risucchiare nel vortice di questo genio 17 millimetri di vetro. Nulla vi aveva permesso prima di tuffarvi dentre le cose e Ultra-Wide-Angle-Lomography lo ha fatto! Per alzare un po' la posta un po 'abbiamo dotato la Lomo LC-Wide di tre formati tra cui scegliere: full, quadrata o mezzo formato. Se non si vuole pensare troppo durante le riprese, usare un mezzo formato che da una quantità impressionante di 72 colpi su un rotolo di pellicola 36 colpi. Per i fan del retrò c'è il classico formato quadrato, mentre per un agolatura panoramica sono è più efficace il formato pieno.



Ultra-Wide-LOMOGRAPHY
Non importa se sei il tipo che ama le angolature panoramiche mozzafiato o se si è più il tipo più vicino meglio è, la Lomo LC-Wide è progettata per soddisfare gli amanti di tutti gli estremi. Il suo delicato 17 mm di vetro Minigon combina le caratteristiche classiche della Lomo LC-A con un ultra-grandangolare che aprirà gli occhi in una misura sconosciuta. Segui la tua curiosità e lascia che la Lomo LC-Wide faccia il suo dovere! Con tutte queste opzioni, la Lomo LC-Wide ti catapulta in una frenesia che scatena la creatività unbeliev-grado e si dimostra di essere un discendente di fiducia della Lomo LC-A Legacy.




DETTAGLI TECNICI
Esposizione area: 36 x 24mm, 24x 24mm (formato quadrato), 17 x 24 mm (telaio formato metà)
Tipo di pellicola: standard 135 pellicole in rotoli
La focale dell'obiettivo: 17 mm
Apertura massima: 1:4.5
Angolo di visione: 103 gradi, 89 gradi (formato quadrato) 81 gradi (mezzo formato frame)
Gamma di messa a fuoco: 0,4 m - infinito
Massima velocità otturatore: 1 / 500
Minimo tempo di posa: Unlimited
Modalità di esposizione automatica: Programmatico
Gamma di esposizione: Unlimited EV18 ~
Esposizione multipla: carica dell'otturatore manuale con interruttore indipendente MX
sensibilità della pellicola supporti (ASA / ISO): 100, 200, 400, 800, 1600
Flash: X-tipo hot-shoe sincronizzazione
Filettatura del treppiede socket: Standard 1 / 4 "per treppiede
Cavo di uscita: Presa cavo universale rilascio
Dimensioni: 108 x 68 x 44,5 millimetri
Peso: 220g (film e batteria non inclusa)

NON POTEVO NON PARLARE DELLA ULTIMA BELLISSIMA CREAZIONE LOMO!!!
Tutte le immagini da www.lomography.com
*** 5 punti Piggie in Omaggio da Lomography per tutti quelli che scrivono un post nel loro blog! Forza dunque! qui le ISTRUZIONI ***



sabato 21 maggio 2011

L'ANGOLO DI FABIENNE

LA SICCITA' MINACCIA IL BUON FUNZIONAMENTO DELLE CENTRALI NUCLEARI.














Gli agricoltori non sono gli unici a temere la siccità che si installa durevolmente in Francia. Mentre 26 dipartimenti hanno già preso delle misure di restrizione di acqua, anche il buon funzionamento del parco nucleare potrebbe essere perturbato. Se l'aridità si prolunga, 44 dei 58 reattori situati lungo i fiumi rischiano di essere fermati, minacciando la Francia di black out elettrico, stima l'osservatorio del nucleare in una recente analisi.


I corsi di acqua impongono numerose costrizioni alle centrali. Devono rispettare innanzitutto delle norme di flusso minimale, definite caso per caso, prima di prelevare l'acqua necessaria al raffreddamento delle loro installazioni. EDF sorveglia ed anticipa così costantemente le evoluzioni del debito dei fiumi. Sulla Loira, quando il flusso scende sotto 60 metri cubo/secondo, per esempio in caso di forte calore, le quattro centrali che attingono a pieno regime tra 3 e 10 metri cubo/secondo, devono coordinarsi per mantenere un livello di acqua sufficiente sul fiume.

Secondo l'osservatorio del nucleare, 22 reattori sono così suscettibili di mancare di acqua per potere essere raffreddati, nelle centrali di Civaux (Vienna), Golfech, (Tarn-e-Garonne), Belleville, (Cher), Dampierre (Loiret), Saint-Laurent, (Loir et Cher), Chinon (Indre-et-Loire), Chooz (Ardennes), Cattenom (Moselle),.

Secondo imperativo: le centrali hanno per obbligo di non superare una certa temperatura nei fiumi, situata intorno a 28° C, quando rigettano l'acqua proveniente dai circuiti di raffreddamento. Se questa temperatura è raggiunta, la centrale deve ridurre, addirittura fermare la potenza dei suoi reattori.

Secondo l'inchiesta dell'organismo di vigilance nucleare indipendente, 20 reattori sono minacciati di non potere rispettare le regole di protezione dell'ambiente: nelle centrali di Saint-Alban (Isère), Bugey (Ain), Cruas (Ardèche), Tricastin (Drôme), Blayais (Gironde), Nogent (Aube),.

Infine, le centrali devono assicurarsi di una buona diluizione degli effluenti radioattivi nei corsi di acqua. Sotto un certo debito, per esempio 30 metri cubo/secondo per la Loire, le centrali devono stoccare i loro effluenti dentro a dei teloni il tempo che il fiume si rimette a galla. E, dopo parecchie settimane, se i siti di stoccaggi sono pieni, bisogna fermare i reattori.

Al finale, secondo Stéphane Lhomme, candidato ecologista per 2012 e presidente dell'osservatorio, "un incidente nucleare grave è possibile: anche fermato , un reattore deve essere raffreddato ed una fusione di cuore può prodursisi se il flusso di un fiume è troppo basso per assicurare questo raffreddamento minimale."

Impossibile, ribatte l'istituto di radioprotection e di sicurezza nucleare (IRSN). "occorrono 15 m3 di acqua/ora per raffreddare al minimo il cuore, il che è poco. Anche in caso di canicola, il raffreddamento potrà dunque essere sempre assicurato al minimo . E nelle situazioni estreme, si può portare dell'acqua con altri mezzi", assicura Martial Jorel, direttore della sicurezza dei reattori.

"Il problema causato dalla siccità per le centrali nucleari si pone di più in termini di approvvigionamento del territorio in elettricità in caso di arresto dei reattori, ed è anche ambientale, prosegue. Peraltro, dei problemi ambientalisti possono porrsi. Il rischio è lo stesso che nel 2003 o 2006, il gestore chiede delle derogazioni per superare le temperature massimali di rigetti. Le centrali scaldano allora i corsi di acqua, provocando delle conseguenze per la fauna e la flora."

Fonte: Le monde.

Un grande grazie a Fabienne Melmi per il suo costante impegno contro il nucleare e per la sua collaborazione con Biancheggiando!

venerdì 20 maggio 2011

ONE LOVELY BLOG AWARD





















 


A pochi giorni di distanza ecco un'altro premio per Biancheggiando!!! Ringrazio di tutto cuore Alessandra ed Hobina per aver pensato a me!!! GRAZIE. Qui sotto la lista dei miei 5 premiati.

Eva e il suo Ubique Chic,
Ady e il suo Lookandthecity,
Alessandra e il suo Chi cerca trova,
Rodo e il suo Radio Mancanza,
Maraptica e il suo Clandestini di Razza.

Grazie ancora ; )

giovedì 19 maggio 2011

FOTOGRAFIAMO LA PACE

"SCATTA LA FOTO DI SCIENCE FOR PEACE 2011".
































 






Questa è un iniziativa della Fondazione Veronesi, nata per cercare soluzioni concrete al raggiungimento della pace. A partecipare al concorso sono invitati gli studenti del triennio delle superiori i quali con la loro creatività dovranno mettersi in gioco e con una macchina fotografica dovranno realizzare uno scatto che sappia trasmettere a chi la guarda i valori di Science for peace: diffondere una cultura di pace e ridurre le spese militari degli Stati per incrementare quelli della ricerca. La fotografia vincente verrà usata come immagine ufficiale del progetto e sarà premiata con una fornitura di prodotti tecnologici. C'è tempo fino al 30 maggio.

Per maggiori informazioni QUI.

mercoledì 18 maggio 2011

SLOW COW














Nella stessa lattina stretta e lunga della Red Bull adesso c'è SLOW COW: la mucca lenta al posto del toro rosso. Quello tirava su, questa butta un po' giù ed aiuta pure ad addormentarsi. Come la camomilla o come il Valium che però è roba seria, da non prendere per darsi una semplice calmata. Per dirla in breve, la valeriana in lattina fa meno sfigato che in tazzone. Insomma, se vi sentite un po' nervosi o soffrite di insonnia compratevi una Slow Cow!!!

martedì 17 maggio 2011

TRASIMENO E AGILLA

E' stato bello ieri parlare del lago, riportare a galla ricordi lontani e tornare indietro nel tempo. Per questo oggi voglio raccontarvi la leggenda legata al Trasimeno.



Questa è la storia dell'amore tragico e sofferto, impresso a fuoco nella forma stessa del lago, simile a quella di un cuore. Trasimeno, figlio del re Tirreno, un giorno, avventurandosi in una partita di caccia sulle sponde di un lago udì delle voci femminili e ammaliatone entrò in acqua e raggiunse a nuoto l'isola Polvese. E' qui che Trasimeno incontrò per la prima volta Agilla, una bellissima ninfa. Fu un colpo di fulmine. Il loro amore però durò solo pochi giorni perchè una mattina Trasimeno durante un bagno nel lago finì misteriosamente sott'acqua e non tornò più a galla. Agilla, dal dolore, passò il resto della propria vita cercando disperatamente il suo amato. I pescatori ancora oggi raccontano che d'estate quando soffia il vento dalla Toscana si può udire il pianto della fanciulla.


 

lunedì 16 maggio 2011

RICORDI DI META' PRIMAVERA

Vicino Perugia c'è il lago Trasimeno, il lago con le sue tre piccole isolette: la Maggiore, la Minore e la Polvese. Ieri l'ho visto, l'ho visto dalla strada, passando senza fermarmi, guardandolo scorrere dal finestrino insieme alla pioggia. Il lago con quel suo grigio-azzurro. Il lago, una macchia azzurra in mezzo al verde. Il lago ed i suoi ricordi fatti di sole, risate, spensieratezza e amore.


Le gite con la scuola,
il richiamo dell'acqua,
un pretendente deluso,
i giri in barca con il "nonno" Giovanni,
il mio amico di penna e il fans club della Juve,
due motociclisti e una notte d'estate,
le mie treccine,
i sassi di un parcheggio ed i dubbi nel cuore,
i segni di un tentato suicidio,
la macchina nascosta ed un sole birichino,
la paura e l'eccitazione di essere scoperti,
Cristiano.

sabato 14 maggio 2011

L'ANGOLO DI FABIENNE

GIAPPONE: FUKUSHIMA, CONDANNATA A DIVENTARE UNA CITTA' FANTASMA?














29.03.2011 - Gli abitanti della zona adiacente alla centrale la centrale cominciano a capire che non potranno probabilmente mai tornare a casa...

Decine di migliaia di pescatori e di agricoltori, che vivevano vicino alla centrale nucleare di Fukushima-Daiichi, cominciano a realizzare che potrebbero non tornare mai a casa. Quasi tre settimane dopo il sisma ed il tsunami all'origine della più grande catastrofe nucleare dopo quella di Chernobyl, nel 1986, la prospettiva di un superamento veloce della crisi sembra allontanarsi ogni giorno di più.

Le autorità giapponesi hanno fatto sapere oggi martedì che i suoli intorno alla centrale erano stati contaminati al plutonio. Una radioattività anormale era stata scoperta nelle acque che bagnano la costa di Fukushima, nelle verdure della regione e anche nell'acqua corrente distribuita a Tokio. Queste notizie hanno rilanciato l'angoscia dei giapponesi, ma è nelle vicinanze della centrale, tra i 200.000 residenti, che il timore, tinteggiato di incredulità, è il più vivo.

"Dire veramente a questi sinistrati che non possono rientrare"

"Queste terre appartenevano ai loro antenati ed il loro attaccamento ad esse è enorme. La prima tappa è dire veramente a questi sinistrati che non possono rientrare, ma le persone non arrivano ancora a rendersi alla ragione", spiega Tomo Honda, membro del consiglio comunale di Fukushima, coinvolto dal primo giorno nelle operazioni umanitarie.

Oltre i 28.000 morti e scomparsi, la catastrofe del 11 marzo ha causato l'evacuazione delle 70.000 persone che vivevano in un raggio di 20 km intorno alla centrale. I 130.000 altri , vivendo tra 20 e 30 km sono stati invitati a lasciare i luoghi o a non uscire di casa. Tokio si è rifiutata, fino ad oggi, ad estendere l'ordine di evacuazione a questa seconda zona, ma le pressioni in questo senso sono sempre più intense ed i periti giudicano la misura inevitabile.

Fukushima, un retrogusto di Chernobyl

All'angoscia, si aggiunge oramai un sentimento di isolamento. I servizi amministrativi di parecchie località della regione sono stati spostati, i trasportatori esitano a rischiarsi, il che provoca delle penurie, ed il quadro non dovrebbe migliorare molto presto. "Il tempo che prenderà la risoluzione di questo incidente non si misura in giorni o in settimane, ma in mese o anche in anni", avverte Robert Gale, professore di ematologia all'Imperial College di Londra che si è recato sui luoghi. L'universitaria contesta inoltre la legittimità delle raccomandazioni del governo agli abitanti di questa zona .

Dopo la catastrofe di Chernobyl, la regione è stata evacuata interamente sui 30 km e la maggior parte degli abitanti non ci hanno mai rimesso i piedi. Oggi, la vegetazione ha invaso tutto, le abitazioni sono delle rovine, non c'è più anima viva... e sono in molti a vederci ciò che aspetta Fukushima. La città e la sua regione si estendono in una zona piatta, costituita da campi e da foreste tra il Pacifico ed una catene di alte montagne.

"Abbiamo venduto le nostre terre per queste centrali elettriche"

Oltre la produzione di energia, nucleare e termica, pesca e agricoltura, in particolare coltura del riso e di frutti, sono le attività principali. Quando la vendita delle verdure prodotte nel settore è stata vietata, un coltivatore di 64 anni si è impiccato, secondo la stampa locale.

"Queste centrali nucleari producono dell'energia consumata a Tokio. Ed è per questo che queste persone sono in collera. Abbiamo venduto le nostre terre per queste centrali elettriche e, adesso, le persone di Tokio non acquistano più la nostra produzione agricola. Le persone si sentono traditte", dice Honda. "La maledizione delle persone di Fukushima, è che questo nome resterà associato alle radiazioni, forse nel mondo intero. È solo un pezzetino di campagna, ma tutti sanno oramai esattamente dove si trova", conclude.
Elaine Fecce (Reuters)

Tradotto per Biancheggiando da Fabienne Melmi.
http://www.20minutes.fr/article/696657/monde-japon-fukushima-condamnee-devenir-ville-fantome-

venerdì 13 maggio 2011

THE VERSATILE BLOGGER

Un altro premio per il mio blog, un altra grande soddisfazione per me!!!
GRAZIE... VERONICA...


 

Il premio prevede che debbano essere svelati 7 segreti e che poi si giri il premio a quattro bloggers.
Non ho grandi segreti da rivelare ma forse potrò dirvi qualche curiosità su di me!!!

1. mi piace organizzare sorprese e scherzi ad amici e parenti!!!
2. ho le lentiggini e una carnagione molto chiara.
3. se fossero esistite le sirene, sarei stata una di loro!!!
4. mi mangio le unghie e non riesco a smettere!!!
5. solo una volta ho visto per due volte lo stesso film al cinema... era troooopooo bello!!!
6. sono allergica ai centri commerciali.
7. mi diverto a fare gli origami.

Ed ecco i blogger che ho l'onore di premiare: Clau e il suo blog La Burbuja Rosa, per il suo modo originale di raccontare le cose; Rick e il suo blog Pic-A-Day, per le sue bellissime immagini; il blog Turista di mestiere, perchè con lui si può viaggiare anche restando a casa!!! Tizyana e il suo Cinevisioni e Letture per i suoi consigli cinematografici!!!

mercoledì 11 maggio 2011

ARTE E SARACINESCA















Uno dei quartieri più trendy di Madrid è assolutamente Malasana. Famoso e alla moda Malasana ha però un problema, quello delle scritte sui muri, sui cancelli e sulle saracinesce dei negozi. Così i commercianti del quartiere hanno deciso di correre ai ripari chiedendo aiuto ai writer di tutta europa. Sono così arrivati in 130, da Bristol a Milano e hanno lavorato per un fine settimana. Il risultato è una vera e propria galleria d'arte a cielo aperto composta da 140 "quadri su ferro".
















Insomma, d'ora in poi se doveste recarvi a Madrid oltre a visitare il museo del Prado dovreste anche fare un salto al quartiere Malasana!!!

martedì 10 maggio 2011

STARBUCKS






















Per festeggiare i suoi 40 anni, Starbucks, la più famosa catena di caffetterie al mondo, nata a Seattle e diffusa in 49 Paesi si rifà il look cambiando logo. Spariscono la scritta e la cornice, resta la sirena con la doppia coda che diventa più grande. Alla regina del mare è quindi affidato il compito di rendere riconoscibile il prodotto così come già avviene per la mela di Apple o il baffo per Nike. Altra novità legata a Starbucks è la possibilità di allargare i propri orizzonti ad altri prodotti come vino e birra.

E a voi, piace il nuovo look?!?!?!

lunedì 9 maggio 2011

CALCETTO ITALIANO





La mia passione per il calcio si puo' dire sia nata con me. Fin dai tempi della scuola, da bravo maschiaccio lasciavo le mie compagne alle loro partite di pallavolo per giocare a calcio con i compagni. Ho coltivato poi la passione per il calcetto fondando insieme ad altre ragazze la prima squadra della mia facoltà universitaria. Poi sono venuti gli anni in cui ho giocato da professionista nel campionato regionale e nella mia ultima stagione sono stata anche il capitano della mia squadra... un grande onore e una grande soddisfazione!!!




Ho passato interi pomeriggi a giocare a calcio sotto casa o ad organizzare partitelle estive. In questo caso però c'è sempre stato il problema di trovare la gente. Ci vuole un giro di telefonate enorme per non parlare che poi manca sempre qualcuno e la maggiorparte delle volte si gioca con uno in meno. Oggi qualcuno ha risolto questi inconvenienti creando il sito CALCETTO ITALIANO.


I geniali ideatori sono due ragazzi perugini che studiano informatica a Pisa che volevano ovviare al rito del giro delle telefonate. Oggi ci sono più di 5000 utenti in tutta Italia e le Comunity stanno nascendo in tutte le città. La cosa divertente è che a fine partita puoi dare i voti e compilare le prestazioni. Ogni utente ha un cartellino su cui segnare gol fatti, autogol... insomma un vero bijoux per chi ama il calcetto come me!!!

sabato 7 maggio 2011

L'ANGOLO DI FABIENNE

Nel 2010, la Spagna è stata esportatrice di elettricità verso la Francia, che usa energia nucleare, grazie all'eolico!















Madrid (awp/afp) - In Spagna, per la prima volta nella storia, in uno dei paesi leader mondiali le energie rinnovabili hanno rappresentato la prima fonte di elettricità nel mese di marzo, lo ha annunciato giovedì il gestore della rete di trasporto di elettricità REE.


"I parchi eolici hanno coperto il 21% della domanda energetica spagnola e hanno raggiunto un record mensile, con la produzione di 4.738 gigawatts, il 5% in più che nel marzo 2010". L'insieme delle energie rinnovabili ha fornito il 42,2% della domanda di elettricità, cifra tuttavia più bassa rispetto a marzo 2010 (il 48,5%), in cui c'era stata una forte produzione idraulica. Questa ultima ha rappresentato il 17,3% della domanda nel marzo 2011, mentre il solare il 2,6%. Il nucleare ha fornito il 19% dell'elettricità ed il carbone 12,9%.

Sull'insieme del primo trimestre, le energie rinnovabili riguardano il 40,5% della domanda di cui il 21% via l'eolico.

"Con la produzione di energia eolica di marzo, si potrebbe coprire il consumo elettrico mensile di un paese come il Portogallo", si è rallegrato in un comunicato l'associazione delle imprese eoliche (AEE).

"Questo picco storico raggiunto dall'eolico dimostra che questa energia, non è solo autoctona, pulita e sempre più competitiva, ma è già capace di approvvigionare tre milioni di famiglie spagnole", ha sottolineato il suo presidente José Donoso.

Secondo l'AEE, questa forte progressione dell'energia eolica è "la principale ragione per la quale il 2010 è stato il primo anno durante il quale la Spagna è stata esportatrice, netta, di elettricità con la Francia."

La Spagna era nel 2009 il quarto produttore mondiale di energia eolica grazie ad una politica di sostegno attivo condotto in questi ultimi anni. Madrid vuole arrivare ad una potenza installata di 40.000 megawatt nel 2020, contro quella attuale che è di 21.000.

(AWP/31 marzo 2011 14h15)

Tradotto per Biancheggiando da Fabienne Melmi.
http://www.romandie.com/infos/news/201103311415130AWP.asp

venerdì 6 maggio 2011

ORTO IN AFFITTO














Come è scritto anche nel mio profilo, amo molto la cucina sana e cerco sempre di trovare ingredienti genuini andando anche direttamente da chi li produce. E' per questo che non posso che pubblicizzare questa bellissima inziativa degli orti in affitto.













Si sceglie tutto ON-LINE: quanti metri quadrati, quante e quali verdure piantare, se installarci uno spaventapasseri o meno. Poi i frutti del proprio orto arrivano a casa (pacchetto base: 648 euro annui per un orto di 30 metri quadrati). Una novità è che si può affittare anche parte di una risaia!!!

giovedì 5 maggio 2011

AYMARA




















Gli Aymara sono un piccolo popolo sparso sugli altipiani di Bolivia, Perù e Argentina e per loro il tempo scorre all'incontrario. Si tratta infatti dell'unico caso al mondo di cognizione inversa del tempo. Quando un aymara parla del passato indica di fronte a sè, per riferirsi al futuro, invece fa cenno a quello che ha dietro la schiena. La loro logica è impeccabile: il passato è conosciuto e quindi si vede. Il futuro invece, essendo incognito, ci coglie di sorpresa alle spalle.















Quando ho letto questa notizia, ne sono rimasta molto c
olpita. Secondo me è davvero un intuizione giusta e che fa riflettere. Soltanto ciò che è avvenuto esiste davvero e per sempre.

mercoledì 4 maggio 2011

WORDCOUNTER





















Quante volte vi sarà capitato dovendo scrivere qualcosa, di cadere nelle ripetizioni. A me quando facevo l'università capitava spesso, c'erano alcune parole che più di altre mi capitava di usare arrivando addirittura a ripeterle!!! Vi assicuro che quando dovete scrivere dei testi lunghi, alle volte può succedere che ci siano delle sviste e che delle ripetizioni non vengano cancellate. E' proprio per evitare queste ripetizioni antiestetiche che è nato WORDCOUNTER. Se copiate il vostro testo all'interno di Wordcounter, lui vi dirà quante volte i termini ritornano. Grazie a questo programma potremo essere tutti dei Gabriel Garcia Màrquez il quale era in grado di scrivere un intero romanzo senza fare neppure una ripetizione!!!

martedì 3 maggio 2011

MOZART




















I gestori del centro commerciale di Christchurch, in Australia, hanno scoperto che facendo risuonare la musica di Mozart in tutti i locali del centro, diminuivano gli atti di microcriminalità. Il fatto è scientificamente provato, infatti, in due anni i piccoli reati sono diminuiti da 77 al mese a solo 2. Chiamiamola terapia musicale!!!

lunedì 2 maggio 2011

LEAVE NO TRACE












Pasquetta e il primo maggio sono solitamente i giorni in cui tante persone decidono di fare un bel pic-nic o se ci scappa di fare un bel fine settimana in tenda. Purtroppo però non tutti hanno ancora la sensibilità di lasciare pulito il prato dove si è passati la bella giornata. In Italia siamo ancora molto indietro per quanto riguarda la coscienza ecologica.

A questo proposito vorrei farvi conoscere un'organizzazione no-profit nata in Colorado che promuove le attività outdoor a impatto zero. Il suo nome è appunto LEAVE NO TRACE. C'è poi un azienda australiana, SEA TO SUMMIT, specializzata in prodotti utili a chi decida di passare qualche giorno all'aperto.

Ci sono ad esempio: una doccia portatile,
















raccoglitore di rifiuti













il secchio per raccogliere l'acqua











Se anche a voi come a me la primavera vi mette addosso la voglia di stare all'aria aperta e soprattutto se siete appassionati del campeggio troverete nei siti che vi ho appena segnalato una marea di novità!!!

Related Posts with Thumbnails