venerdì 31 dicembre 2010

HAPPY NEW YEAR


























Filastrocca di capodanno: fammi gli auguri per tutto l'anno:
voglio un gennaio col sole d'aprile,
un luglio fresco,
un marzo gentile;


Voglio un giorno senza sera,
voglio un mare senza bufera;
voglio un pane sempre fresco,
sul cipresso il fiore del pesco;


che siano amici il gatto e il cane,
che diano latte le fontane.


Se voglio troppo, non darmi niente,
dammi una faccia allegra solamente.

Niente di meglio per augurarvi buon anno di una filastrocca di Gianni Rodari, una filastrocca per tornare un po' bambini ed augurare uno STRARIPANTE 2011 a tutti!!!



9 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Indovinami, indovino,
    tu che leggi nel destino:
    l’anno nuovo come sarà?
    Bello, brutto o metà e metà?
    Trovo stampato nei miei libroni
    che avrà di certo quattro stagioni,
    dodici mesi, ciascuno al suo posto,
    un carnevale e un ferragosto,
    e il giorno dopo il lunedì
    sarà sempre un martedì.
    Di più per ora scritto non trovo
    nel destino dell’anno nuovo:
    per il resto anche quest’anno
    sarà come gli uomini lo faranno.

    Anche questa è di Rodari. Tantissimi auguri per un buon 2011! Arrivederci all'anno nuovo! ;)

    RispondiElimina
  3. Che bella (anzi che belle) non la conoscevo questa filastrocca!! Certo, averne di latte dalle fontane :) io vivo di formaggi, mozzarelle e latticini!!
    Buon 2011 Chiara!!
    Buona serata e buon veglione!

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Ciao, nell'augurarti un buon 2011 invito te e i tuoi lettori a votare i migliori film ed attori del 2010.

    CLICCA QUI PER VOTARE

    RispondiElimina
  6. Auguroni anche a te!

    Il Primo Giorno dell'Anno

    Lo distinguiamo dagli altri
    come se fosse un cavallino
    diverso da tutti i cavalli.
    Gli adorniamo la fronte
    con un nastro,
    gli posiamo sul collo sonagli colorati,
    e a mezzanotte
    lo andiamo a ricevere
    come se fosse
    un esploratore che scende da una stella.
    Come il pane assomiglia
    al pane di ieri,
    come un anello a tutti gli anelli...
    La terra accoglierà questo giorno
    dorato, grigio, celeste,
    lo dispiegherà in colline
    lo bagnerà con frecce
    di trasparente pioggia
    e poi lo avvolgerà
    nell’ombra.
    Eppure
    piccola porta della speranza,
    nuovo giorno dell’anno,
    sebbene tu sia uguale agli altri
    come i pani
    a ogni altro pane,
    ci prepariamo a viverti in altro modo,
    ci prepariamo a mangiare, a fiorire,
    a sperare.

    Pablo Neruda

    RispondiElimina
  7. Stupenda filastrocca! Buon 2011 gioia!! Bacio grande grande!! :)

    RispondiElimina
  8. Grazie a tutti sia per gli auguri che per le poesie!!!

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails