sabato 30 aprile 2011

MAGDA ISANOS




















MAGDA ISANOS (1916-1944)

Magda nasce a Iasi, in Romania. Figlia di medici, frequenta il liceo e si laurea in giurisprudenza nella città natale dove esercita la professione di avvocato. Le sue prime poesie escono su riviste studentesche ma inseguito collabora con le più importanti riviste del suo paese. Durante la sua vita ha pubblicato un solo volume di versi Poesie nel 1943. Affetta da una grave malattia di cuore è spesso in ospedale e muore giovane a Bucarest nel 1944. Dopo la morte il marito di Magda, lo scrittore Eusebiu Camilar, cura la pubblicazione di altri due volumi di versi.


MATTINO DI PRIMAVERA


Esordio di primavera. Pianure,
sulle quali trabocca il primo austro,
rami pallidi, tremuli sul cielo.
Ora il mattino bacia le finestre.

Dico "vita"... e prende a battere il cuore,
veloce, come un uccello colto da paura.
Fuori, la notte di marzo sbianca a poco a poco,
e spuntano alberi e torri.

E' giorno e mi aspettano, a distanza,
cose e uomini, col loro senso ricco e triste.
Ognuno avrà ben presto un'ombra,
scura come i pensieri più nascosti,
un'ombra.

Il sole griderà al mondo: "Esisti...".
E tutte le cose apparterranno al giorno.
Anche le tombe al cimitero di campagna
saranno come piccoli giardini screziati.

Cose. Voci di donne, quasi canti.
Finestre aperte. Passeri sui tetti. Festoni.
Qualcuno litiga. Il lattaio posa la zangola e dice:

"Buongiorno, signorina Magda!"...

venerdì 29 aprile 2011

WILLIAM & KATE





Oggi c'è stato il matrimonio del secolo, quello tra William & Kate. Anche se fino a ieri non ne ero per niente interessata oggi non posso fare a meno di vedere come è andata la cerimonia!!! La mia anima romantica mi spinge a dare una sbirciatina!!!



Ma ciò che più di tutto vorrei vedere è la londinese HAYWARD GALLERY dove hanno deciso di celebrare in maniera irriverente le nozze di William e Kate. Otto artisti espongono sino al due maggio opere sui Windsor, raffigurati manipolando con ironia e sarcasmo le immagini ufficiali. La mostra infatti presenta i reali in atteggiamenti spesso sconvenienti!!!


Un modo simpatico per smitizzare questo royal wedding!!!

giovedì 28 aprile 2011

BYO WINE CLUB

















Cinquanta locali, soprattutto londinesi, sostengono il BYO WINE CLUB (Bring Your Own Drink) che permette ai suoi aderenti di andare nei ristoranti con la bottiglia sotto braccio. La quota annuale è di 99 sterline e in omaggio c'è pure una borsa termica per trasportare il vino. L'iniziativa di questi ristoratori inglesi è quella di ridurre il prezzo del conto per attirare più persone.










E così dopo i ristoranti dai quali potevi uscire facendoti fare un cestino con gli avanzi della tua cena, ora è possibile entrarci con il vino portato da casa!!!














Considerando il momento difficile che stiamo attraversando è sicuramente una bella idea!!!

mercoledì 27 aprile 2011

MR. FAI DA TE


Mark Frauenfelder, fondatore e direttore della rivista Make, è specializzato nel costruire macchine del tutto inutili! Creando oggetti inutili e assurdi ha però creato un vero e proprio impero commerciale. Dopo aver lavorato per 5 anni al mensileWired, negli anni 90 ha abbandonato il giornale per fondare un blog di successo BOING BOING e dirigere un trimestrale che si è trasormato nel più strano fenomeno editoriale americano.


La rivista si chiama appunto MAKE ovvero Fai. In questa rivista Mark costruisce aquiloni con collegate macchine fotografiche; apparechi collegati alla ruota delle bici che caricano l'iPod pedalando, una pallina da ping pong che collegata via wireless a internet si illumina ogni volta che sul blog appare la parola libertà!

Insomma, per chi volesse costruire oggetti stravaganti ora sa dove andare a cercare!!!

martedì 26 aprile 2011

2004 - 2011

E' ufficiale... ieri, 25 aprile, io e Riccardo siamo usciti indenni dalla crisi del settimo anno!!!
















Sette anni e a me sembra ieri.
Sembra ieri che tu nel freddo della festa mi stringeva le mani,
sembra ieri il panorama: il primo bacio.
Sembra ieri scoprirmi innamorata,
sembra ieri... sembra ieri.

Io e te, come un buon wisky che più invecchia e più diventa buono!!! Per festeggiare i nostri 7 anni ho proprio pensato a questo, al wisky!!! E non sapendo fare il wisky ho deciso di fare il limoncello!!!















Un limoncello speciale, un limoncello d'annata, 7 bottiglie che mi divertirò a regalare ad amici e parenti per brindare od ubriacarsi alla nostra salute!!!

lunedì 25 aprile 2011

AMERICAN SUNSHINE



















Vi siete ingozzati di cioccolato o avete preferito la torta al formaggio?!?!?
Io di entrambi!!! Cioccolato fondente e torta... sarei potuta andare avanti all'infinito!!!
Oggi vi auguro buona pasquetta consigliandovi un film da guardare questa sera. Un ottimo modo per concludere ottimamente la vostra serata!!!











Una macchina rubata,
un viaggio attraverso l'America,
un fratello da trovare,
tanti incontri interessanti.

Assolutamente da non perdere.

BUONA PASQUETTA AMICI ; )

domenica 24 aprile 2011

BUONA PASQUA




















In questa notte in cui si celebra la morte e la resurrezione di Gesù vorrei augurarvi la buona Pasqua con uno stralcio di un testo teatrale scritto trenta anni fa dal titolo "Questo Gesù deve morire".

ERODE: ".... la sua predicazione è una polveriera, fortuna che nessuno di voi l'ha mai capita, perchè il giorno che lo farete, per noi sarà la fine. Gesù non è come voi, miei cari signori che ce l'avete coi ricchi solo perchè voi siete poveri, che vorreste abbattare noi solo per prendere il nostro posto. Voi odiate i ricchi, non la ricchezza! Voi siete solo dei ricchi mancati: lui no! Io gli avevo offerto tutto, ero disposto a renderlo uno dei nostri, uno come noi. Normalmente, se uno predica l'uguaglianza, basta farlo "uguale a noi" e quello è subito pago: lui no! perchè è un coglione! oppure un santo. Per questo voglio che muoia, perchè io voglio dei servi e per averli li compro e li sazio. Anche i rivoluzionari, infatti, di solito fanno la siesta dopo aver mangiato. E a me piacciono i benefattori che fanno la siesta, mi fanno sentire un benefattore. Lui non ha voluto mangiare quindi deve morire...".

BUONA PASQUA A TUTTI ; )

sabato 23 aprile 2011

L'ANGOLO DI FABIENNE

AL SUMMIT DELL'IMPOSTURA: LA MENZOGNA DEL NUCLEARE



















Di fronte ad un sisma senza precedenti, seguito da uno tsunami devastatore, il Giappone deve fare i conti con i suoi vecchi incubi nucleari: dopo le esplosioni nucleari di Hiroshima e Nagasaki, quelle di Fukushima…

Al di là del dramma giapponese di cui nessuno può immaginarne le conseguenze a lungo termine, ogni cittadino responsabile s'interroga sull'ampiezza di questo dramma per provare a trarne le lezioni, di cui soprattutto la scelta funesta di un pugno di individui che vogliono costringere la maggioranza a sottoporsi ad un modello di società che questi ultimi non vogliono.

Davanti ad una tale follia suicida, qui di seguito, un brano del libro che pubblicavo nel 2008, intitolato "La Democrazia Menzogna" pubblicato alle Ed. M. Pietteur, nel quale certe di queste scelte sono prese in considerazione:

"(…) Gli aerosol profumati ed i loro gas CFC (chlorofluorocarburi) nocivi per lo strato di ozono sono stati sostituiti dai diffusori di profumi elettrici. Cosi come i prodotti anti-zanzare che spargono il loro veleno silenzioso durante il vostro sonno. Sbarazzare un tavolo dalle sue briciole con l'aiuto di un tovagliolo, o scuotendo la tovaglia all'esterno è oggi un arcaismo e la cosa si fa solamente tramite un aspira-briciole a pile elettriche. All'efficacia provata del vecchio spazzolino da denti, ci vogliono convincere che solo un modello elettrico è efficiente. Tagliare un pezzo di carne al coltellaccio non esiste più e si fa solamente con l'aiuto di un coltello elettrico. La cottura a gas sembra quasi un costume medievale e solo le piastre elettriche sono considerate moderne.

Allo stesso modo, il riscaldamento elettrico è presentato come pulito, meno inquinante, partecipando alla diminuzione dei gas ad effetti serra… quando è provato da tempo che per produrre una caloria (unità di misura di quantità di calore), l'elettricità è il mezzo più dispendioso che ci sia! [1] ma il rendimento è di un tale profitto per alcuni gruppi industriali e per gli Stati, che ci certificano che il futuro prossimo passa irrimediabilmente per le nostre centrali nucleari, diventate di fatto dall'alto costo delle energie fossili, più che mai indispensabili.

Omettendo accuratamente al passaggio, di includere i costi che rappresentano il trattamento delle tonnellate di rifiuti radioattivi che bisogna a trattare in un modo o nell'altro…
Senza parlare dell'aspetto morale del loro invio nei paesi del Terzo Mondo di cui facciamo tranquilamente le nostre pattumiere -e senza rumore…
Né di evocare la prossima scadenza della mancanza di uranio per alimentarli, stimata a meno di 50 anni, e allo stesso tempo, l'aumento vertiginoso del suo prezzo
Né di menzionare il fattore rischio, del tipo Tchernobyl, che queste centrali rappresentano in un ambiente naturale talvolta instabile, come in Giappone, ed internazionale, sempre più teso.
E senza contare gli "scudi" di cemento di cui i siti sono ricoperti dopo alcuni decenni di sfruttamento… durante i millenni indispensabili alla loro lenta decontaminazione.
Altro campo dove certi ingenui studiano la fattibilità di mandare tutto nello spazio, dopo avere constatato che un'immersione in acqua profonda si rivela essere un insuccesso a causa di fessure dei container… Non contenti di avere reso il nostro favoloso pianeta intollerabile, abbiamo intenzione di spargere i nostri rifiuti radioattivi nell'universo.

Quali pericoli? E quali costi? Si tratta di domande che non si pongono a dei "periti". Visto che questi signori hanno sempre previsto tutto, o quando non è il caso… hanno risposta a tutto, a costo di perpetuare delle menzogne, grosse tanto quanto le centrali, (ed i profitti), che difendono.

Per questa preziosa eredità, un grazie dalle generazioni future!

Mentre, se gli stessi colossali bilanci fossero stati investiti nella ricerca e la tecnologia delle energie rinnovabili dal primo shock petrolifero dall'inizio degli anni ‘70, sarebbe stato possibile, lentamente, sostituire le energie fossili con quelle che permettevano agli individui di accedere ad energie meno inquinanti e meno costose, rendendoli peraltro così come la maggior parte dei paesi, indipendenti nella materia.

Il sole, la luce, il vento, il calore della terra, il movimento delle maree, l'idroelettricità, eccetera… In breve, tutto ciò che è a portata di mani nella maggior parte degli Stati e dei loro cittadini. Senza contare gli innumerevoli posti di lavoro che avrebbero creato queste nuove tecnologie… con in premio la preservazione della natura!

Davanti alle terribili constatazioni dello stato di devastazione del pianeta che possiamo stabilire oggi, decisioni prese in alto luogo, gravemente irresponsabili riguardo all'ambiente per le generazioni future, dovrebbero essere repertoriate in quanto "crimini contro l'umanità" e giudicate per tali.

L'attuale orientamento verso i biocarburanti , gli agrocarburanti, si iscrive nella stessa cattiva categoria. Dedicare dei milioni di ettari polverizzati con pesticidi e concimi-delle solite multinazionali-per ottenerne un massimo di rendimento, a produrre del carburante verde per sostituire la benzina delle auto è altre tanto irresponsabile e criminale quando si sa che questo provocherà dei rialzi di prezzo di questi prodotti di base, rendendoli così meno accessibili per i contadini stessi che li coltivano e per l'insieme dei paesi poveri in primo luogo.

Senza contare i milioni di m³ di acqua necessaria al loro sviluppo. Questo oro battezzato "blu" che tentano di monopolizzare alcune multinazionali, prima che la sua rarefazione scateni delle tensioni per il suo controllo.
Né che questi stessi ettari potrebbero inoltre provedere al cibo di quantità di bisognosi. Quale mentalità storta occore dunque avere per trasformare del cibo in carburante!?


Questi molteplici incitamenti a produrre e consumare sempre più male sono frequenti, e si conosce adesso i loro effetti sulla natura: catastrofici!
Chi si alzerà per apostrofare i responsabili di queste criminali decisioni e trascinarli davanti alla Giustizia? Quando presto l'unica emergenza sarà quella di trovare le soluzioni per salvare ciò che potrà ancora esserlo , di un pianeta che persistiamo ad annientare. (…)"

[1] non dimenticate mai questa legge della fisica elementare, che gli allievi del Politecnico che regnano sulla nostra energia si astengono di ricordarvi: il principio di Carnot che vuole che meno del 30% delle calorie messe in gioco sia trasformato in elettricità, mentre il 70% è perso nelle acque e le torri di raffreddamento delle centrali. " Haroun Tazieff-Ouvrez donc les yeux-Ed. Robert Laffont-1980

Senza parlare degli spostamenti massicci di popolazioni, né delle condizioni di vita che un tale incubo impone loro, come reagiranno le nostre istanze politiche davanti al disastro che subisce il Giappone?
Si percepisce bene, qui-e là, che qualche governo inizia a dubitare, probabilmente però fino a quando qualche altra notizia proveniente dal mondo non cancelli questa. E gli eventi che si annunciano in Libia probabilmente ci riusciranno.

Ma non siamo stupidi, passato l'effetto dell'annuncio, la maggior parte dei nostri governi restano determinati a non rimettere fondamentalmente la scelta nucleare in causa. Si limiteranno a raccomandare come al solito, alcune soluzioni cosmetiche per migliorare la sicurezza delle centrali.
Né i servizi sulla catastrofe ucraina di Tchernobyl-dove sfrontate menzogne vennero dato al posto delle verità! -né le immagini di città intere devastate nel Giappone di oggi dove individui stravolti errano in mezzo alle rovine, così come gli avvertimenti di un prossimo sisma maggiore nell'arcipelago, li commuove più del tempo di un banale minuto di silenzio che non costa niente, in memoria di morti che resteranno loro per sempre anonimi....

I danni incommensurabili di un tale cataclisma e delle sue vittime traumatizzate a vita, i superstiti e le famiglie distrutte, i destini crollati, un paese mutilato provoca solamente l'ipocrisia odiosa ed abituale di un pugno di benestanti attraverso una penosa messa in scena… giusto il tempo di un minuto. Per pensare a cosa? probabilmente alle opportunità inesperate che si presentano nella ricostruzione dopo un tale diluvio, per l'economie in panne…

Queste ultime sere, dopo avere seguito una grande quantità di dibattiti televisivi su questa ferita che colpisce il Giappone, mi sono accorto che praticamente nessun ospite sollevava la questione essenziale legata al nucleare ed ai suoi rifiuti: quella dell'armamento. I giornalisti evitano la domanda che irrita?
Sicuramente i "periti" evitano questa parte essenziale del dossier, preferendo convincerci che l'ambiente geologico del Giappone non è lo stesso del nostro. Grazie per questa perspicace osservazione che ci era fuggita, con il suo ossequioso sottinteso che non c'è nessuno rischio di questo tipo da noi-così come dell'impossibilità di privarsi del nucleare… quando nel mondo meno del 5% dell'energia prodotta attualmente è di origine nucleare.

Vedete l'enormità della menzogna! Questo per dire una volta ancora che se la volontà politica lo decidesse, si potrebbe velocemente farne a meno-e prima dell'irrimediabile-e sostituirlo con le energie pulite. Ma no, delle scelte erronee in termini ambientalisti sono state fatte, i profitti sono giganteschi e lo sfruttamento dell'atomo permette l'accumulo di armi temibili. Certi costruiscono così scrupolosamente ed in modo accanito, risoluto, ostinato e criminale le condizioni della nostra probabile propria fine .

Dirci che il nucleare è indispensabile allo sviluppo delle nostre società rileva della stessa menzogna che l'impostura quotidiana alla quale i nostri governi ci hanno abituati, alla differenza che le conseguenze di questo presagiscono probabilmente della scomparsa prossima di lembi interi della specie umana…

Daniel Vanhove

Tradotto per i lettori di Biancheggiando da Fabienne Melmi.
http://www.legrandsoir.info/Au-summum-de-l-imposture-le-mensonge-nucleaire.html

venerdì 22 aprile 2011

EARTHDAY




















Oggi, giorno dell'equinozio di primavera si tiene la 41° edizione della Giornata Mondiale della Terra. L'appuntamento è promosso dall'Earth Day Network e vi partecipano 175 nazioni. Il motto di quest'anno è "A BILLION OF ACTS OF GREEN", un invito a contribuire alla salvagguardia del pianeta con piccoli gesti, promesse, impegni di cittadini di tutto il mondo fatti per soccorrere il pianeta e i suoi abitanti. Verranno tutti raccolti sulla homepage del sito dove un display conteggerà le adesioni. Il traguardo è arrivare a quota 1.000.000.000, da raggiungere entro il Summit globale di Rio nel 2012.











Questa sera inoltre si terrà a Roma il concerto ufficiale e durante il concerto verrà lanciato un piano di riforestazione: piantare un albero a Roma, in Centro America e Sudafrica per ogni spettatore presente.

giovedì 21 aprile 2011

JORDI LABANDA





Come ho già scritto in qualche altro post, mi piacciono un sacco i disegni ed ho una profonda ammirazione per chi sa disegnare. Se mi capita di vedere in qualche rivista o in un qualsiasi altro oggetto un bel disegno cerco sempre di scoprire chi ne sia l'autore.














In questi giorni sono in fissa con JORDI LABANDA, un disegnatore Uruguayano che vive a Barcellona. Molto affermato lavora con marchi famosi tra cui Dior, Louis Vuitton, Nokia ed è anche illustratore di libri per bambini e collabora con la Vanguardia un giornale dalle idee molto liberali di Barcellona.
Sono particolarmente legata al disegno qua sotto perchè mi ricorda tantissimo il mio primo appuntamento con Riccardo!!!


mercoledì 20 aprile 2011

UNA SANTA DA SPOT




Maria Giuseppa Rossello è una suora nata ad Albisola nel 1811 e proclamata santa nel 1949. Maria ha dedicato la sua vita ad aiutare le ragazze in difficoltà e le prostitute. Oggi, per festeggiare il bicentenario della nascita della santa, le Figlie di N.S. di Misericordia, ordine da lei fondato, hanno organizzato il concorso SANTA SPOT.



L'idea delle suore è quella di far conoscere al grande pubblico la figura della Rossello e per farlo si chiede di inventare una campagna marketing inviandola al sito www.santaspot.it, c'è tempo fino al 30 aprile. Tutti possono inviare clip, poster, fumetti, jingle che sottolineino la vita della santa. Verranno scelti da una apposita giuria i migliori 30 lavori e tra questi i primi tre riceveranno premi per un valore complessivo di 21 mila euro!!!

Un'idea insolita ma carina e divertente... sono curiosa di vedere cosa ne uscirà fuori!!!

martedì 19 aprile 2011

SESTO SENSO















Come Tom Cruise in Minority Report in cui l'attore comunica in maniera gestuale con un computer, oggi, grazie al ricercatore indiano PRANAV MISTRY è possibile per tutti noi avere un sesto senso!!!












Pranav ha messo a punto una rivoluzionaria tecnologia composta da una webcam con microfono, un miniproiettore e un collegamento a internet.












Grazie al SIXTH SENSE è possibile andare oltre la realtà fisica degli oggetti, recuperando informazioni, usando semplicemente i gesti della mano. Immaginate per esempio i digitare il numero da chiamare su una tastiera virtuale interattiva sul palmo della mano o di tracciare col dito un cerchio nel vostro polso che si trasforma in un orologio virtuale che vi dà l'ora e poi sparisce.

lunedì 18 aprile 2011

PROTOCOLS NYC

























Oggi quando inviti qualcuno a casa tua devi dare delle regole di condotta. Regole che riguardano l'astenersi dal commentare la serata sul proprio blog, non segnalare la propria presenza su Twitter, non pubblicare foto degli invitati su Facebook.

 

Commenti sgraditi, pettegolezzi, è per evitare tutto ciò che a New York è nato PROTOCOLS NYC. Ovvero un salotto privato, non fotografabile, non aperto ai blog né a Twitter. In questo salotto, situato in un attico della Grande Mela, si tengono riunioni con scadenza bimestrale. Il fondatore è MICHAEL MALICE, scrittore e blogger. La vera novità di Protocols NYC è la garanzia che tutto quello che direte o farete in quel salotto non potrà mai essere usato contro di voi!!!

E voi, amate essere taggati, twitterati o preferite la riservatezza?!?!



sabato 16 aprile 2011

L'ANGOLO DI FABIENNE












Questo sabato ho chiesto il permesso a Fabienne di poter usufruire del suo spazio per parlare di un libro fotografico appena uscito.

"Chernobyl, scatti dall'inferno" di Massimiliano Squillace.











Questo il titolo e l'autore, di un libro che ha voluto catturare tra le sue pagine le immagini di ciò che resta di Chernobyl a 25 anni di distanza da quel 26 aprile 1981 quando, con l'esplosione del reattore nucleare numero 4 iniziò la catastrofe.












Per riuscire a visitare Chernobyl, Massimiliano Squillace ha dovuto aspettare due anni di trafile burocratiche. Poi finalmente il viaggio lo scorso autunno. Massimiliano è restato nell'area contaminata per 16 ore scattando 2000 fotografie.

venerdì 15 aprile 2011

LO PSICHIATRA

Lo psichiatra è un medico che ha conseguito una formazione post lauream in psichiatria.















CHE COSA PUO' FARE
colloqui diagnostici, test, terapia e prescrivere psicofarmaci.

PER CHI E' INDICATO
per tutte le persone che stanno vivendo un disagio psicologico fortissimo come ad esempio attacchi di panico o una grave depressione, a causa del quale non riescono più a svolgere le normali attività della vita quotidiana. Un professionista serio non si limita a prescrivere dei farmaci ma tiene in considerazione tanto l'aspetto medico quanto quello psicologico.

giovedì 14 aprile 2011

LO PSICANALISTA

Lo psicanalista è un laureato, solitamente in medicina o psicologia, che ha conluso un percorso di analisi didattica con un analista della S.PI. (Società Psicanalitica Italiana) e che è stato da quest'ultimo giudicato caratterialmente idoneo all'esercizio della professione.












CHE COSA PUO' FARE
colloqui diagnostici, terapia.

CHE COSA NON PUO' FARE
se non è medico non può prescrivere psicofarmaci.

PER CHI E' INDICATO
per le persone che vogliono iniziare un percorso di autoconoscenza allo scopo di liberarsi da condizionamenti negativi, sensi di colpa, angosce, sensi di inferiorità. Un analisi fatta bene è il più efficace strumento di cambiamento psicologico ma non è una scelta adatta a tutti. Inoltre il percorso analitico richiede tempi lunghi: certe analisi durano anche 10 anni.

mercoledì 13 aprile 2011

LO PSICOTERAPEUTA

Lo psicoterapeuta è uno psicologo o un medico, che ha proseguito dopo la laurea la sua formazione professionale frequentando una scuola di specializzazione quadriennale riconosciuta dallo Stato. L'iter per diventare un pscioterapeuta comprende un training teorico pratico e l'essersi sottoposti ad una terapia psicologica.














CHE COSA PUO' FARE
colloqui diagnostici, test, counseling, terapia.

CHE COSA PUO' FARE
se non è laureato in medicina non può prescrivere psicofarmaci.

PER CHI E' INDICATO
lo psicoterapia cua una vasta gamma di disturbi: si va da un lieve disagio personale causato da circostanze esterne a problemi sessuali, relazionali, psicosomatici, attacchi di panico, depressione, disordini dell'alimentazione, etc... Tuttavia se il disagio è così forte da impedire lo svolgere le normali attività della vita quotidiana (come lavorare, uscire, dormire) è opportuno rivolgersi ad uno psichiatra.

martedì 12 aprile 2011

LO PSICOLOGO

Lo psicologo è un laureato in psicologia ed ha conseguito l'abilitazione alla professione mediante un tirocinio-pratico e superando l'esame di stato.












CHE COSA PUO' FARE
colloqui diagnostici, somministrare test.

CHE COSA NON PUO' FARE
non può fare terapia e prescrivere psicofarmaci.

PER CHI E' INDICATO
per chi vuole avere una visione complessiva del suo problema, ma se ci si deve sottoporre ad una terapia vera e propria ci si dovrà rivolgere ad uno psicoterapeuta.

lunedì 11 aprile 2011

UNA SETTIMANA DA PAZZI













Nel corso della vita, di fronte a cambiamenti, scelte o eventi particolarmente stressanti, dolorosi o difficili si può avvertire un disagio che nel tempo può compromettere la qualità della vita stessa limitando la serenità e il benessere psico-fisico. Il disagio può manifestarsi attraverso l'ansia, la depressione, i disturbi alimentari o psicosomatici. Chiedere aiuto non è un segno di debolezza ma indica la volontà di chiarire. In questi momenti spesso non si vedono vie d'uscita, si svalutano le proprie risorse e capacità e si sperimentano sofferenza, paura o stress che possono influenzare negativamente la capacità di fare scelte e la possibilità di vivere in modo adeguato le relazioni. In queste circostanze, poichè il malessere diventa difficilmente gestibile, è necessario l'aiuto di un professionista che ci faciliti l'evoluzione e il cambiamento.

















La mia passione sfrenata per la psicologia mi ha fatto riflettere su quanta confusione ci sia oggi tra figure come lo psicoterapeuta e lo psichiatra, uno psicologo e uno psicanalista. Con mio grande piacere vi chiarirò ogni dubbio... non perdetevi quindi la "UNA SETTIMANA DA PAZZI"!!!!

sabato 9 aprile 2011

L'ANGOLO DI FABIENNE

A FUKUSHIMA, L'IMPLOSIONE DI UN SISTEMA ENERGETICO














Il 23 marzo 2011 - Dopo l'eruzione del vulcano islandese che aveva inchiodato al suolo una delle più splendenti invenzioni umane, la catastrofe naturale che subisce il Giappone ci ricorda la fragilità degli affari umani e la loro dipendenza rispetto agli elementi non prevedibili e non dominabili.

Davanti a questi eventi, le società devono proteggersi, acclimatarsi, alzando sia dighe materiali che barriere filosofiche e culturali. Il popolo giapponese ha imparato a vivere con la possibilità di queste catastrofi, ha messo in opera dei mezzi materiali ed un'organizzazione sociale che limitano l'ampiezza della catastrofe umana. I media hanno rilevato instancabilmente il "fatalismo" del popolo giapponese, senza vedere che tali eventi ridicolizzano il volontarismo e che, piuttosto che fatalismo, è forse la coscienza più acuta della vulnerabilità delle società che si esprime.

Ma, mentre il Giappone ha eretto queste costruzioni materiali per proteggersi, ha anche ceduto alla credenza nell'infinito potere della tecnica, alla prevedibilità degli oggetti fabbricati dagli uomini, all'infinita razionalità delle scelte umane, al punto di installare delle centrali nucleari su delle faglie sismiche. Ciò che sembra evidente una volta avvenuta la catastrofe prima era considerato come improbabile nel calcolo dei rischi. Allora, come per la catastrofe di Tchernobyl, la caccia ai responsabili esterni è aperta.

In prima linea, l'impresa Tepco. Ha accumulato dei mancamenti e delle negligenze, e questo tanto più che è un'impresa privata, sottomessa alle esigenze di redditività a breve termine. È l'argomento maggiore di difesa del nucleare pubblico che sarebbe solo in grado di permettere il rischio zero o di avvicinarsene. Al di là della catastrofe di Tchernobyl per la quale l'incuria dello stato e del sistema burocratico è stata messa in causa, parliamo dell'atomo francese, costruito, promosso ed imposto dallo stato e da un'impresa nazionale, nella più grande opacità. La burocrazia non è l'appannaggio degli ex-sistemi "socialisti": è cosostanziale al sistema nucleare.

Nessuno Stato può essere agli ordini della natura né può prevedere la concatenazione dei processi che conducono all'infatuazione nucleare. La centrale di Saint-Laurent-des-Eaux, (Loir et Cher), ha conosciuto un incidente di livello 4 nel 1980, successo dopo un precedente nel 1969. Una parte del reattore pubblico è entrata in fusione e dei rigetti radioattivi sono stati trovati su più di 200 km, fino all'estuario della Loira. Si è sentito parlare allora di un studio epidemiologico per misurare le conseguenze di questi rigetti? No.
Designare dei responsabili ha senso solo se comprendiamo che l'impresa Tepco è al nucleare ciò che Kerviel è alla crisi finanziaria. La contaminazione lunga impedirà ogni ritorno alla "normalità" malgrado le previsioni degli economisti di servizio, già felici delle possibilità di crescita per la ricostruzione.

In seconda linea, l'esposizione specifica del Giappone alle catastrofi naturali maggiori. Riteniamo semplicemente che la perdita dell'alimentazione elettrica, in seguito allo tsunami, permettendo il raffreddamento, o il guasto dei diesel di soccorso, possono prodursi per altre ragioni meno drammatiche. La centrale di Blayais ha sfiorato l'incidente nel 1999 dopo una forte tempesta. Senza parlare di quelle di Fessenheim e del Tricastin, situate in zone sismiche.

In terzo luogo, non si può uscire subito dal nucleare! Certo. Ma ciò che possiamo fare subito è prendere la decisione di uscirne con delle misure immediate per assicurare la transizione, la sicurezza per i cittadini e per i lavoratori del nucleare. Si tratta in un primo tempo dell'arresto dei nuovi progetti o dei progetti in corso, della chiusura delle centrali più vecchie, al posto del loro previsto prolungamento. Queste misure devono essere accompagnate da un piano di sviluppo delle rinnovabili.

La catastrofe giapponese dimostra l'implosione di un sistema energetico globale, concepito per alimentare un processo di crescita infinita, un accumulo infinito di capitale. L'imballatura dei reattori e particelle è all'immagine dell'imballatura di un modello che non può essere raffreddato dall'interno e che esige un grande cambiamento.

TRADOTTO PER BIANCHEGGIANDO DA FABIENNE MELMI.
Fonte: http://www.france.attac.org/articles/fukushima-l-implosion-d-un-syst-me-nerg-tique?sms_ss=facebook&at_xt=4d98ccc08fd251a3%2C0

|

venerdì 8 aprile 2011

PROEF

Portatevi una sedia, una coperta o un cuscino.











Cibo genuino, biologico in stile pic nic o mini cocktail tra gli alberi.











Tutto questo lo trovate al PROEF, ristorante di Amsterdam, nato da un gruppo di food designer i quali dopo anni di curiosi catering artistici con cibo appeso agli alberi e spoonfood, hanno deciso di fermarsi ed aprire un vero e proprio locale.















IMPERDIBILE!

giovedì 7 aprile 2011

PIANTA LA SCARPA











L'azienda olandese OAT, ha messo in produzione le prime sneakers interamente biodegradabili e dalle quali, una volta consumate e piantate nel terreno, nascerà una pianta. E' proprio vero, la scarpa progettata da Christiaan Maats è in canapa, sughero, cotone e plastiche biodegradabili e nella linguetta superiore contiene i semi che le consentiranno di germogliare.















Le voglio con dentro i semi di un albero di ciliegio!!!

mercoledì 6 aprile 2011

I DUE ANNI DI BIANCHEGGIANDO



due anni...

due anni di Biancheggiando...
due anni sono tanti...

probabilmente se il mio blog oggi è ancora qui lo devo a quei 200 che ogni giorno passano a curiosare, a quei 198 che hanno deciso di diventare miei followers, e a tutti voi che ogni giorno decidete di lasciare il segno del vostro passaggio.

GRAZIE A TUTTI... grazie di cuore...

chiara.



martedì 5 aprile 2011

LE ENERGIE RINNOVABILI



















Altro che nucleare... il corpo umano è la nuova fonte di energia rinnovabile!!! Le ferrovie giapponesi producono energia sfruttando il transito dei passeggeri nelle stazioni grazie a elementi piezoelettrici inseriti nel pavimento. La stessa tecnica è già sperimentata in due discoteche di Rotterdam e Londra e sui marciapiedi di Tolosa. Intanto la Philips sta progettando un generatore che produce elettricità dal movimento del ginocchio per alimentare lettori mp3 e cellulari. In via di sperimentazione l'energia prodotta dal seno, si avete letto bene, il seno che con il suo ondeggiare produce energia cinetica oppure solare grazie a micro-pannelli applicati sul reggiseno!!!

lunedì 4 aprile 2011

BENVENUTA PRIMAVERA

























Tanto tempo fa, Madre Natura diede alla luce 12 figli e ad ognuno regalò un pezzetto di tempo. Tutti si comportavano bene, tutti tranne Marzo che invece dava segni di pazzia. Marzo infatti tentava ogni giorno di uccidere la madre. Passati i 30 giorni e non essendo riuscito nel suo intento Marzo chiese al fratello Aprile di prestargli 4 giorni. Così puntando sulla tranquillità della madre la colse di sorpresa con venti e intemperie in ogni parte della terra. Fu così che Madre Natura venne uccisa dal figlio Marzo. Ed è per questo che l'inizio della primavera è considerato il 4 aprile.
















 


BUONA PRIMAVERA A TUTTI!!!

venerdì 1 aprile 2011

SENZA TITOLO

PAUSA



















un giorno per me
un giorno con me
un giorno solo di me

un giorno per te
un giorno con te
un giorno solo di te

un giorno per noi
un giorno con noi
un giorno solo di NOI.



Related Posts with Thumbnails