martedì 24 gennaio 2012

WANDERGESELLEN


Cappellaccio, completo di velluto scuro, camicia a sbuffo, sulle spalle un fagotto con dentro l'uniforme pulita, un sacco a pelo, il lucido per gli stivali e poco altro. Tutto devo bastare loro per tre anni e un giorno. Tanto dura la Wanderschaft, il cammino dei giovani artigiani che come nel Mediovevo viaggiano per il mondo da un cantiere all'altro (Le associazioni di artigiani itineranti sono nate nel Medioevo, le corporazioni obbligavano a partire per tre anni dopo l'apprendistato per non fare concorrenza ai padroni).



In Germania, Austria e Svizzera sono circa 500 divisi in sei gilde. Ogni gilda è simboleggiata in una spilla simbolo del codice morale: qualità del lavoro, comportamento onesto, crescita spirituale. Altro simbolo è l'orecchino che il primo giorno del cammino viene messo bucando il lobo con chiodo e martello. Se poi viene infranta una regola si viene puniti con lo strappo del pendente che lascia il marchio d'infamia del lobo diviso.




I Wandergesellen, così si chiamano gli artigiani itineranti, possono muoversi solo a piedi o in autostop, tengono due diari di viaggio, uno personale e uno professionale con le referenze scritte dai datori di lavoro. Una volta tornati a casa diventano membri sedentari della gilda, la maggiorparte si laurea poi in architettura o ingegneria.

2 commenti:

Related Posts with Thumbnails