sabato 4 dicembre 2010

L'ANGOLO DI FABIENNE

L'INDIA VUOLE OFFRIRSI DUE EPR IN OCCASIONE DEL 26 COMPLEANNO DI BHOPAL, A DISPETTO DI UNA FORTE OPPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE.



Nell'occasione del 26esimo anniversario della catastrofe industriale di Bhopal, Nicolas Sarkozy ed il suo omologo indiano hanno annunciato un accordo che garantisce al costruttore francese Areva la vendita di due reattori EPR.

Previsti vicino alla città di Jaitapur nello stato del Maharashtra, questi reattori sarebbero costruiti in una zona altamente sismica - classificata 4 su una scala di 5 , il che aumenta il rischio di una nuova catastrofe industriale.

I cantieri dei due EPR attualmente in costruzione, in Francia ed in Finlandia, soffrono di ritardi e di sovraccosti importanti. Così l'EPR di Flamanville (Manica) supera già il bilancio iniziale di almeno 1,7 miliardi di euro.

Il governo indiano si perde anche lui sulla strada del nucleare, investendo in una fonte di energia molto onerosa e soprattutto pericolosa, mentre le energie pulite, come l'eolico ed il fotovoltaico, sono disponibili fin da ora. Ad investimento uguale, l'efficacia energetica e le energie rinnovabili creano 15 volte più posti di lavoro del nucleare .

Non è un caso se questo annuncio è fatto mentre si svolgono a Cancun, i negoziati delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico.

Per ottenere sempre più fondi per vendere dei reattori nei paesi in via di sviluppo, l'industria nucleare cerca di persuaderci che il nucleare sarebbe la soluzione al problema del cambiamento climatico. Agli effetti di annuncio infruttuoso da parte di Areva, noi rispondiamo che il ricorso al nucleare non risolve il problema delle emissioni di CO2.

L'efficacia energetica e le energie rinnovabili sono fino a 11 volte più efficaci del nucleare per ridurre i gas ad effetto serra .

La popolazione locale fortemente opposta al progetto

Nella regione dove dovrebbero essere costruita questa centrale nucleare, in novembre scorso , più di 3000 indiani si sono fatti arrestare volontariamente dalla polizia, durante una manifestazione non violenta. La costruzione di questi due EPR minaccia l'economia locale che riposa sulla pesca, ma anche la salute e la sicurezza delle popolazioni.

Il 29 novembre scorso, il governo indiano ha rifiutato i visti che permettono agli scienziati nucleari dell'IPFM, (Panel International sulle Materie Fissili), di riunirsi per discutere del programma nucleare dell'India , paese che, ricordiamolo, non ha firmato il Trattato di Non Proliferazione nucleare.

Imponendosi al disprezzo della volontà delle popolazioni, il nucleare mostra una volta ancora quanto non sia compatibile con la democrazia. Che sia in Francia o in India, l'EPR non vedrebbe il giorno se le popolazioni fossero consultate ed ascoltate .

La Rete " Sortir du nucléaire" condanna queste transazioni franco-indiane fatte allo scapito degli uomini e dell'ambiente naturale, e chiama le popolazioni a continuare a resistere a questi progetti distruttori.

Fonte : http://www.sortirdunucleaire.org/index.php?menu=actualites&sousmenu=communiques&page=index
tradotto per noi da Fabienne Melmi.

2 commenti:

Related Posts with Thumbnails