sabato 6 novembre 2010

L'ANGOLO DI FABIENNE
















La rinascita del nucleare civile comporta delle minacce.


La rinascita del nucleare civile nel mondo rischia di superare le capacità di controllo della comunità internazionale, via l'AIEA, e dunque di essere una minaccia ?

È ciò che teme un rapporto dell'Oxford Research Group, un "think tank" britannico che opera per il disarmo e la pace. Uno degli autori, Frank Barnaby, spiega :


Docteur Frank Barnaby, lei è un fisico nucleare di formazione e consulente in seno al "Gruppo di ricerche di Oxford", Oxford Research Group. Avete co-pubblicato il rapporto che si pronuncia contro il proseguimento di investimenti nei reattori nucleari e contro lo sviluppo di questa tecnologia. Intitolato "Troppo caldo a manipolare: il futuro del nucleare civile", (Too hot to handle: The Future of Civil Nuclear Power), afferma particolarmente che bisognerebbe costruire quattro reattori nucleari per mese di qui al 2070 affinché ci sia una modifica nelle emissioni globali di CO2....

Sì, l'idea principale è che se si vuole che l'energia nucleare abbia un effetto significativo sul riscaldamento climatico, allora ne occorre molto. È ciò che indicano le cifre che avete fornito. È praticamente impossibile che un tale numero di centrali sia costruito e mantenuto, perché non dobbiamo dimenticare che molte lo saranno nei paesi in via di sviluppo. Ed è ragionevole chiedersi se questi paesi hanno la perizia e le risorse di gestire in modo sicuro dei grossi reattori e di trattare i rifiuti che produrranno. Dunque pensare che l'energia nucleare può fare la differenza non è proprio ragionevole.


Dite dunque che l'energia nucleare non è la strada giusta per un'energia pulita?

No, non è la strada giusta . Per costruire dei reattori nucleari, utilizzate molta energia, e questa energia proviene della combustione delle energie fossili. E dunque emettete del CO2 nell'atmosfera. Certo in quantità meno importante di quello prodotto dalle centrali termiche a carbone o a gas naturale, ma è una quantità non trascurabile.

Un altro problema ambientalista è che se andiamo verso la produzione di una grande quantità di energia nucleare, mancheremo velocemente dell'uranio necessario all'alimentazione dei reattori, in ogni caso dell'uranio che può essere estratto ad un costo economico. In altri termini, c'è solamente una quantità limitata di uranio nel mondo che possa essere estratto dll suolo con un costo energetico che permetta un guadagno rispetto all'energia che permetterà di produrre. Perché è inutile utilizzare un uranio molto povero se il procedimento per arricchirlo mandi nell'atmosfera più gas ad effetto serra che la quantità che economizzate grazie all'utilizzazione dei reattori.


La penuria di uranio è un problema maggiore. Certi, particolarmente nell'industria nucleare, sostengono che per questo motivo dobbiamo andare verso il reattore di tipo surgeneratore che utilizza come combustibile non più dell'uranio, ma principalmente del plutonio: questo significa che entreremmo in un'economia del plutonio. Il che sarebbe estremamente pericoloso a causa della disseminazione di grandi quantità di plutonio nel mondo, coi rischi di utilizzazione per i paesi per fabbricare delle armi nucleari, o peggio ancora per i terroristi per fabbricare esplosivi nucleari.

Che cosa suggerite allora al posto dell'energia nucleare per bloccare il riscaldamento climatico?


Le fonti di energia alternativa, particolarmente l'energia solare, l'eolico, l'energia delle maree. In altri termini, niente energia fossile né energia nucleare, ma un'energia alternativa relativamente pulita. Niente è perfettamente pulito. C'è sempre una parte di emissioni di gas ad effetto serra.

Ultimamente, in un'intervista, il professore Jacques Foos, del Conservatorio francese delle Arti e Mestieri, ha sottolineato che tutte le energie dovranno essere sviluppate per soddisfare ai bisogni mondiali. Che cosa ne pensate?
Sono d'accordo con l'argomento che dobbiamo avere una combinazione energetica. Ma da un altro lato, non vedo realmente posto per l'energia nucleare. Personalmente, preferirei che non ne abbia.



articolo tradotto per noi da Fabienne Melmi.

3 commenti:

  1. Parole sante. Io amo l'energia eolica.

    RispondiElimina
  2. Qualunque tipo di energia va benissimo... tranne quella nucleare.

    RispondiElimina
  3. Se potessi metterei una pala eolica sul mio palazzo. Non avrà un impatto ambientale peggiore delle parabole che spuntano come funghi nel modo più orrendo che si possa immaginare.

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails