venerdì 24 settembre 2010

LAVORO E DIVORZIO



Il "Journal of Police and Criminal Psychology" ha condotto uno studio sul rapporto tra il tipo di lavoro dei coniugi e la probabilità che il matrimonio finisca!!! La ricerca mette in luce due caratteristiche che un lavoro deve avere per essere a rischio!

  • orari lunghi e imprevedibili
  • ambienti con ricche relazioni sociali
La presenza di entrambe le caratteristiche indica un alta probabilità di divorziare!!!
Gli ottici ad esempio incontrano un sacco di gente ma non hanno il tempo di chiacchierarci e quindi la % di divorzio è bassa. Alta invece è negli infermieri, psicologi e assistenti a domicilio. Ma vediamo più in dettaglio la classifica dei "traditori"!!!
  1. ballerini\coreografi 43%
  2. baristi 38,4%
  3. infermieri 28,9%
  4. cuochi\segretari 20%
  5. insegnanti 15%
I più fedeli di tutti sono i periti agricoli (chissà come mai :)) di cui solo il 2% divorzia!!!!

Bene, ora siete avvisati, chi vuole un matrimonio sicuro ora sa con chi non sposarsi!!!

8 commenti:

  1. Mio Dio! Non si dovrebbe lasciare che l'amore venisse distrutto o affievolito dal lavoro!

    RispondiElimina
  2. My dear
    è prprio così : l'amore è ogni giorno travolto dal lavoro.
    Ma anche dalla volontà di non perdere neanche un giorno di palestra,
    ma anche dalla volontà di non voler rinunciare alle partite trasmesse sul cielo, dall'alba al tramonto,
    ma anche tantissime altre cose.
    Gli ''infermieri'' al terzo posto :
    correggiamo : il mondo sanitario ,medici, infermieri, tecnici sono al terzo posto e fra questi i medici al primo.
    L'arrivismo, la smania di essere sempre più vicino al primario, alle decisioni importanti, all'invito al congresso con annesso viaggio, cena ,dopocena,tanto del congresso d'aggiornamento chissenefrega.
    E perchè non metterci anche i poliziotti/e che tornano a casa con ''il lavoro'' e aggregato il nervosismo e lo stress.Per non tacere delle missioni in tutta Italia a guardia di microcefali che seguono una sfera .
    La singletudine , brutto termine, meglio l'indipendenza è divenuta ,tristemente ,una necessità .
    Che delusione ,però !

    @ Chiara
    siccome che io sono cecato, si potrebbe aumentare la grandezza dello scritto ?
    Grazie
    Tonino

    RispondiElimina
  3. I conti son presto fatti...

    moglie psicoterapeuta +
    io assistente sociale x
    11 anni di matrimonio =
    -----------------------
    divorziati da 8 anni

    confermo la teoria! :)

    RispondiElimina
  4. P.S. Riallacciandomi alla supplica di Tonino, in effetti, tra sfondo carta da regalo e caratteri mignon, la leggibilità di Biancheggiando non è il massimo! :)))

    RispondiElimina
  5. Io e mio marito facciamo un lavoro che nella statistica è considerato ad altissimo rischio divorsio. In effetti la gente che si incontra è tantissima e volendo le occasioni si trovano, basta solo volerle o cercarle perchè alle volte sono lì ad un passo. Speriamo di essere L'ECCEZIONE ALLA REGOLA!!!!!!

    RispondiElimina
  6. DIMENTICAVO... quando io scrivo il post il carattere è più grande ma poi nel pubblicarlo rimpicciolisce perchè non è più in DRAFT o roba del genere, se provo ad aggiustarlo dopo alle volte mi cambia i colori o altre cose del genere. Comunque prometto che dal post di domani mi impegno ad ingrandire il carattere:"MALEDETTO COMPUTER... A NOI DUE".

    RispondiElimina
  7. Per fortuna sono già sposata anche se credo con un rappresentante di una categoria a rischio, quel rischio poco ma rischio (ambiente militare)...cercherò di drizzare le orecchie e affilare le armi...le mie!
    A presto,
    Heidi

    RispondiElimina
  8. ih ih ih grande Heidi... fai benissimo, mai abbassare la guardia!!!

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails