sabato 12 giugno 2010

ALFONSINA STORNI























ALFONSINA STORNI (1892-1938)



Alfonsina Storni nasce a Sala Capriasca nel 1892, nel Canton Ticino ma subito si trasferisce con la famiglia in Argentina. Passa un'infanzia poco serena a causa dei problemi finanziari del padre che poi morirà quando Alfonsina ha solo otto anni. Viene assunta in un berrettificio ma nel 1907 si aggrega per un anno a una compagnia teatrale di giro. Nel 1911 inizia la sua carriera di maestra elementare ma dopo un anno ha un figlio illegittimo e decide di trasferirsi a Buenos Aires. Alfonsina scrive versi dall'età di 12 anni e la sua prima raccolta è del 1916 "La inquietud del rosal". A poco a poco il suo lavoro letterario s'infittisce e collabora con diversi quotidiani. Diventa insegnante alle scuole superiori e al conservatorio. In questi anni ricevi numerosi premi e riconoscimenti ed in breve tempo è inserita insieme alla cilena Gabriela Mistral e all'uruguayana Juana de Ibarbourou nella triade delle maggiori poetesse sudamericane. Nel 1935 scopre di avere un tumore al seno e due anni dopo non riuscendo a gestire la tragedia della malattia si uccide gettandosi nell'Atlantico.


INCONTRO

L'incontrai ad un angolo della Calle Florida
più pallido che mai, distratto come avanti.
Due lunghi anni aveva avuto la mia vita...
Lo guardai non sorpresa, giocando con i guanti.

E una domanda mia, stupida e leggera,
d'un rimprovero calmo gli empi i trasparenti
occhi, poi che gli dissi d'una fatua maniera:
"Come mai, hai adesso così gialli i denti?"

M'abbandonò. In fretta attraversò la strada,
con la manica scura rasentando la chiara
cinta di una passante che andava fra la gente.

Seguii per un poco il cappello fuggente...
poi divenne, lontano, una macchia di ruggine
e l'inghiottì di nuovo la spessa moltitudine.

1 commento:

  1. Bella poesia,
    Grande autrice che abitava in una valle della regione del luganese, la Capriasca, nel Canton Ticino (Svizezra Italiana), da dove pure io provengo e abito.
    Grazie per l'averla onorata così..io avevo fatto uno studio su di lei diversi anni fa' e raccontato la sua storia e una sua poesia (pure con traduzione in spagnolo), ma non ricordavo del figlio che l'aveva avuto già a vent'anni che abitava ancora qui.
    Molto coraggiosa, a quei tempi, a tenerlo e a diventare ragazza madre..merita tutto il mio rispetto.
    Peccato la fine così tragica.
    Ciao..

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails