sabato 26 settembre 2009

LEAH GOLDBERG

























LEAH GOLDBERG (1911-1970)

Di origini ebraiche nasce nel 1911 a Konigsberg, nella Prussia Orientale e trascorre infanzia e adolescenza a Kovno, in Lituania. A sedici anni pubblica la sua prima poesia in lingua ebraica. Studierà poi a Berlino e a Bonn. Nel 1935 si stabilisce definitivamente a Tel Aviv e nello stesso anno pubblica il suo primo libro. Nel 1954 diventa docente di letteratura presso l'università ebraica di Gerusalemme. E' autrice di romanzi, poesie, commedie e saggi. Goldberg che parlava sette lingue ha tradotto numerose opere straniere in ebraico. Muore nel 1970.

VERSO DI ME

Di memorie d'amore
gli anni hanno adornato il mio viso
segnandomi i capelli di lievi filigrane grigie:
son diventata così bella

Paesaggi riflessi
nel mio sguardo
strade percorse
han marcato i miei passi

Se ora mi vedessi
non troveresti il tuo passato.
Torno a me
con un volto che invano cercasti
quando ti venivo incontro.


sabato 19 settembre 2009

ANDY WARHOL.... A PG!!!!




Oggi 19 settembre verrà inaugurata a Perugia una mostra su Andy Warhol.
Si tratta della più grande mostra antologica italiana dedicata al pittore, scultore e regista statunitense. Per oltre un mese 130 opere faranno bella mostra nel centro storico della città. Verranno esposte 90 opere originali e 40 invece tra offset, stampe e litografie che saranno esposte in esercizi commerciali, ristoranti e residenze d'epoca tra le più note di Perugia.
Andy Warhol è famoso per aver dipinto le storiche bottiglie della CocaCola e le leggendarie lattine di zuppa Cambell's. La sua notorietà è data anche dai ritratti fatti a personaggi famosi tra i quali Marilyn Monroe, Elvis Presley e Mao Zedong.

Non mi resta che darvi il programma e aspettarvi a Perugia!!!!


19 settembre - 11 ottobre 2009, l'esposizione si terrà presso il Centro Servizi Camerale Galeazzo Alessi (via Mazzini, centro storico).

12 ottobre - 25 ottobre 2009
, l'esposizione si terrà presso l'Ipso Arts Gallery, (via Bonazzi, centro storico).


Martedi 15 settembre - ore 11 conferenza stampa al Castello di Monterone (pg).
Sabato 19 settembre
- ore 11 inaugurazione mostra con taglio della "torta Marilyn" più grande al mondo nel centro storico di Perugia.
Sabato 3 ottobre
- ore 21 Serata Warhol presso la sede della mostra.
Venerdi 9 ottobre
- ore 22 concerto "Anima e Ragione" presso il Velvet (pg).
Sabato 17 ottobre
- dalle 22 alle 6 Notte Warhol. Presenti personaggi del Jet-Set dello spettacolo presso la sede della mostra.
Domenica 25 ottobre
- ore 21.30 party Warhol presso il Velvet (pg).

Per ulteriori informazioni www.pubbliwork.it


sabato 12 settembre 2009

CLASSI SEPARATE? NO GRAZIE.







Io di norma tendo a fuggire i discorsi sulla politica, sulla religione o sulle problematiche sociali. Questo perchè credo siano argomenti così sfaccettati e complessi da non poter essere affrontati con chiunque. Una granparte delle persone infatti ha grossi pregiudizi e tende a parlare utilizzando luoghi comuni. Il mio pensiero invece è in continuo movimento e cerco sempre di farmi una mia idea su tutto. Proprio per questo evito sempre discussioni sterili su questi argomenti. Premesso ciò qualche giorno fa mi sono ritrovata a parlare di classi separate a scuola con la mamma di una mia amica. In realtà parlavo da sola perchè dopo due frasi lapidarie: "magari le facessero" e "devono tutti tornare al loro paese", si è allontanta non dandomi il tempo di rispondere.
Lo faccio ora.














Come si può pensare nel 2009 che le classi separate possano servire a risolvere il grande problema dell'integrazione? Come si può pensare nel 2009 che tenendo separati i bambini italiani da quelli stranieri si risolva il problema della qualità dell'istruzione? In Italia la sfida dell'integrazione inizia ora e questo ci avvantaggia perchè possiamo prendere ciò che ha funzionato in altri paesi evitando di compiere gli stessi errori. Ora qui stanno crescendo le prime generazioni di bambini nati da immigrati, sta a noi favorirne l'integrazione, farli sentire veri cittadini italiani e non italiani di serie B. Lo sò che l'immigrazione porta molti problemi, conosco persone che abitano in condomini dove loro sono gli unici italiani e la situazione è molto difficile: musica ad alto volume di notte; sporcizia; auto in sosta selvaggia; figli lasciati soli in casa. Ma per quanto siano intollerabili queste situazioni, per quanto nessuno voglia avere vicino persone che non rispettanto in alcun modo le regole del vivere civile, non dobbiamo far ricadere le colpe dei genitori sui bambini. Se non si può lavorare con gli adulti educhiamo i bambini. Se li separiamo nelle scuole coltiveranno l'odio, il senso di inferiorità e quello di rivalsa. Usciti da scuola si formeranno le bande, interi quartieri diverranno OFF LIMITS e a quel punto dovremo giustamente avere paura. Ma oggi siamo ancora in tempo, invece di fare classi separate mettiamo un insegnante in più formato per lavorare con queste tematiche, per quanto possibile lavoriamo con i genitori. Non lasciamo che la rabbia e la paura verso gli immigrati diventi indiscriminata. Coltiviamo la speranza che questi ragazzi diventino dei bravi cittadini al di là del paese di provenienza dei loro genitori. Ma se questa è l'aria che tira non mi stupirei se tra qualche anno sentiremo parlare di pena di morte.

BUON ANNO SCOLASTICO A TUTTI!!!



sabato 5 settembre 2009

ANNE SEXTON




















ANNE SEXTON (1928-1974)

Anne Sexton nasce a Newton (Massachusets), terza figlia di un ricco propiretario di un lanificio alcolizzato. A diciannove anni sposa un solido commerciante, da cui avrà due figlie e intanto lavora come modella. Preda di frequenti e gravi crisi depressive, tenta una prima volta il suicidio nel 1956. A ventinove anni scopre la sua vocazione poetica durante un ricovero in un ospedale psichiatrico e incoraggiata anche dai medici in questa sorta di
poetry gherapy si dedicherà da allora per tutta la vita a scrivere versi. I suoi primi tre libri hanno molto successo ed è tra i poeti meglio pagati d'America. Insegna per un anno alla high school. Dal 1970 al 1974 tiene corsi di creative writing alla Boston University. Nel 1971 Transformations, la riscrittura in versi delle fiabe dei fratelli Grimm. Il 4 ottobre 1974 indossa una pelliccia della madre, si chiude in garage, accende il motore e muore avvelenata dal monossido di carbonio.


I CAMPANELLI

Oggi il manifesto del circo
pende dal muro
e i bambini hanno dimenticato
se mai hanno saputo.
Padre, ti ricordi
solo il suono è rimasto
il tonfo in lontananza degli elefanti miti
il ruggito dei vecchi leoni
e i campanelli che tintinnavano
per l'uomo volante.
Io ridevo
ora issata in alto sulle tue spalle
ora in basso tra ruvide gambe di estranei
e non avevo paura.
Mi tenevi per mano e
i tre anelli del pericolo
mi spiegavi rapido.

Guarda che pagliaccio impertinente
che parata bizzarra
mentre l'amore, l'amore cresceva
e in anelli mi avvolgeva.
Il suono nacque allora e fu così;
noi col fiato sospeso lì a guardare
l'uomo volante fendere l'aria
scalare il vuoto
contro un cielo di tavole di legno.
Ricordo il colore della musica
e i tuoi campanelli che tintinnano
e che da allora sempre
m'appartengono.
Related Posts with Thumbnails